Primo piano

Superbonus, allarme Abi: “Rischio default per imprese e famiglie”

Non c’è pace per il Superbonus. Né su un piano normativo né su quello prettamente pratico. A lanciare il nuovo allarme è Antonio Patuelli, presidente dell’Abi, secondo il quale chi ha deciso di impegnarsi sulla complessa strada dell’aggiornamento strutturale del proprio edificio potrebbe ritrovarsi a dover gestire il serio rischio di default. E questo non varrebbe solo per le imprese ma anche per le famiglie.

Superbonus, rischio default

Allarme dell’Abi sul futuro delle procedure legate al superbonus, con famiglie e imprese potrebbero finire in default.

A lanciarlo è stato il presidente Antonio Patuelli secondo il quale le banche, essendo stato ridotto l’ambito di compensazione, dovranno assolutamente fermarsi” nel comprare i crediti del superbonus e “se si fermano, costretti, i maggiori acquirenti” dei crediti “bisogna trovare delle forme diverse per animare il mercato, perché altrimenti imprese, condomini e famiglie si possono trovare inguaiati, in situazioni che li portano in default”.

Il ruolo delle risorse

“Non c’è alcun interesse che ci siano dei settori dell’economia che vadano in default in seguito di questo Superbonus” ha assicurato Patuelli sottolineando che “quello che auspico e aspetto dopo le elezioni europee – è l’invenzione di un veicolo, non all’interno del consolidamento del bilancio dello stato, ma che possa essere in grado di coinvolgere risorse pubbliche e private fuori dal bilancio dello stato e che diventi acquirente dei crediti. Ma non deve essere un veicolo di salvataggio” ha ribadito. E a tal proposito ha detto di augurarsi che “dopo le elezioni e dopo il rinnovo dei vertici di Cdp ci possa essere una riflessione” in tal senso.

La preoccupazione

Per quello che riguarda il superbonus, ha precisato il presidente dell’Abi, “vorrei guardare avanti, non sono mai retroattivo la mia preoccupazione principale è per le imprese e le famiglie oneste che hanno intrapreso l’applicazione di questa normativa” e al tempo stesso “la soddisfazione è quando le autorità competenti scoprono gli imbrogli”.

Per il futuro, a suo parere, c’è il problema del mercato dei crediti fiscali “è chiaro che la norma riguarda non tutte le tipologie degli acquirenti. Banche e assicurazioni sono i piu grandi acquirenti di questi crediti e io mi aspetto che il legislatore abbia previsto ulteriori acquisti”. Sua convinzione è che “i mercati debbano essere alimentati: quando si fermano le cose vanno male per tutti”.

Superbonus, stop delle banche

Patuelli ha ribadito infatti che “le banche, essendo stato ridotto l’ambito di compensazione dovranno assolutamente fermarsi nel comprare perché non possono comprare se non possono o compensare sennò diventa una perdita. Quindi – ha proseguito – se si fermano i maggiori acquirenti bisogna trovare altre forme per animare il mercato sennò imprese, famiglie e condomini possono andare in default”.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Caos in Kenya, assaltato il Parlamento

Da protesta pacifica a caos totale. La giornata si è infiammata presto in Kenya, dove…

25 Giugno 2024

Ue, accordo sulle nomine: Von der Leyen e gli altri nomi

I negoziatori trovano l'intesa sui nomi per i vertici dell'Unione europea. Convergenza sul pacchetto Von…

25 Giugno 2024

Italia, cuore e coraggio

Una vittoria, una sconfitta, un pareggio, quello di ieri sera contro la Croazia. Missione compiuta.…

25 Giugno 2024

Scomparsi, uccisi, separati: la tragedia dei bambini di Gaza

Uno scenario inquietante quello descritto dall'Agenzia Onu per i Rifugiati palestinesi (Unrwa). Uno di quegli…

25 Giugno 2024

Francia: una messa per la pace all’inizio della tregua olimpica

La Conferenza episcopale francese ha proposto una messa per la pace il 19 luglio in…

25 Giugno 2024

Ucraina: Unicef dona 40 veicoli per visite mediche domiciliari

Grande gesto di solidarietà da parte di Unicef agli alle strutture sanitarie ucraine, seriamente in…

25 Giugno 2024