Primo piano

Migranti, il ricordo di Cutro a un anno dalla strage

Il 26 febbraio 2023, l’Italia si svegliò scossa nel cuore e nella coscienza. Novantaquattro persone, tra le 180 alla deriva su un barcone davanti alla costa calabra di Steccato di Cutro (in provincia di Crotone), annegarono tra i flutti che avevano fatto a pezzi la loro imbarcazione. Tra loro decine di minori. Le ricerche dei corpi sono durate settimane, mentre la tragedia ha imposto una riflessione profonda sul tema dell’immigrazione. In primis per quel che riguarda l’aspetto dei corridoi sicuri per chi attraversa il Mediterraneo. E, a distanza di un anno, sulla necessità di superare gli ostacoli burocratici per i ricongiungimenti familiari.

Cutro, verso il primo anniversario

La notte tra il 25 e il 26 febbraio 2023 un caicco partito dalla Turchia, con a bordo circa 180 persone, si spezza in due, arenandosi tra la violenza delle onde contro una secca a pochi metri dal litorale di Steccato di Cutro, in provincia di Crotone. È una strage: 94 vittime, tra cui 34 bambini.

I familiari: “Solo parole”

“Non è facile tornare. È una cicatrice che si riapre. Siamo qui a chiedere verità e giustizia che non abbiamo visto per una strage che era evitabile”. Sono le parole di Alidad Shiri, giornalista di origine afgana che vive e lavora a Bolzano, intervenuto in rappresentanza dei familiari delle vittime del naufragio di Cutro nel quale ha perso un cugino di soli 17 anni. Alidad Shiri è intervenuto all’incontro “Noi non dimentichiamo” promosso ad un anno dalla strage di migranti dalla Cgil insieme ad Arci Crotone ed altre associazioni che si occupano del sociale.

“Mio cugino – ha detto – aveva il sogno di vivere libero. Aveva 17 anni e dopo un anno non ho il coraggio di dire a mia zia che non abbiamo trovato il corpo. Se ci fosse una legge europea di ricongiungimento familiare le stragi come quella di Cutro si fermerebbero. Abbiamo chiesto il ricongiungimento, ma dal governo ci sono state solo parole”.

Il dossier dell’Arci

Filippo Miraglia, dell’Arci nazionale, nel corso della manifestazione, ha presentato un dossier sul naufragio di Cutro nel quale vengono ricostruite tutte le fasi dell’evento avvenuto il 26 febbraio del 2023. Miraglia ha evidenziato “la dignità dei famigliari delle vittime e dei superstiti che si contrappone al comportamento vergognoso e disumano del governo italiano. Non siamo disponibili ad avallare queste politiche del governo sui migranti, politiche fatte da gente che è stata eletta inculcando disumanità. Non staremo zitti”. “Siamo qui – ha sostenuto Maria Grazia Gabrielli segreteria nazionale Cgil – non solo per non dimenticare, ma per dire che un altro sistema è possibile. Bisogna cambiare approccio alle politiche migratorie perché non siamo davanti ad una emergenza e non servono misure di emergenza per tutelare la sicurezza nazionale”.

“Tra narrazione e fatti – ha aggiunto – c’è un abisso. Si possono creare dei corridoi legali, fare entrare persone per studio, ricerca, lavoro. Qui invece si danno tanti soldi per l’accordo con l’Albania e si depotenzia sistema accoglienza che permette di includere e integrare persone”.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Maldive al voto: perché è un test politico fondamentale

Apparentemente un test locale ma, in realtà, un indicatore politico sulla stabilità delle relazioni tra…

21 Aprile 2024

Tajani: “Attacco all’Occidente? Non credo, evitiamo il panico”

Il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, cerca di smorzare l'agitazione creatasi attorno a una foto…

21 Aprile 2024

Roma, Caput Mundi e Caput Fidei

Il 21 aprile Roma compie 2777 anni. Essendo stata fondata da Romolo nel lontanissimo 753…

21 Aprile 2024

Il Papa: “Il Buon Pastore trova in noi la bellezza che non vediamo”

La domenica del Buon Pastore è un momento di particolare riflessione sulla condizione dell'uomo e…

21 Aprile 2024

Raid a Rafah: bambini fra le vittime

Nuovi attacchi israeliani sull'area di Rafah, nella Striscia di Gaza. Secondo quanto riferito dall'agenzia di…

21 Aprile 2024

Basilicata, il giorno del voto: in mezzo milione alle urne

Terza tornata elettorale, a livello regionale, del 2024. Stavolta, a essere chiamati alle urne sono…

21 Aprile 2024