Primo piano

Maltempo, Coldiretti: “In pericolo le colture”

La Coldiretti fa sapere che, a causa dell’improvviso cambiamento del clima, nelle ultime 24 ore sulla nostra penisola si sono abbattuti ben 8 eventi estremi. L’improvviso cambio di stagione mette ora a rischio anche le colture che per il caldo hanno prolungato la stagione, mentre nei frutteti si teme per gli agrumi, per le mele e le pere che sono ancora in piena fase di raccolta 

Brusco cambiamento climatico

“Sull’Italia si sono abbattuti ben 8 eventi estremi in un solo giorno tra nubifragi e trombe d’aria che hanno colpito a macchia di leopardo la Penisola, con allagamenti e alberi abbattuti dal vento”. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti su dati Eswd (European Sever Weather Database) in riferimento all’allerta arancione in Lombardia e gialla in altre 12 Regioni diramata dalla Protezione civile.
“Un brusco cambiamento del clima in un 2023 che si posiziona fino ad ora in Italia al secondo posto tra gli anni più caldi dal 1800 con una temperatura superiore di 0,82 gradi la media storica da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1800”, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Isac Cnr nei primi nove mesi con l’anomalia climatica che è stata addirittura di +1,02 gradi al Nord.

Coldiretti: “L’improvviso cambio di stagione mette ora a rischio anche le colture”

“Si registra quest’anno – spiega l’associazione – un taglio del 10% della produzione di grano, del 60% per le ciliegie e del 63% delle pere mentre il raccolto di miele è sceso del 70% rispetto allo scorso anno, secondo l’analisi Coldiretti e si è verificato un calo anche per il pomodoro e per la vendemmia (-12%)”. “L’improvviso cambio di stagione mette ora a rischio anche le colture che per il caldo hanno prolungato la stagione – prosegue Coldiretti – dalle melanzane ai peperoni, dalle zucchine ai cetrioli, mentre sono ancora in corso le raccolte del pomodoro da salsa, del mais e del riso ed è appena iniziata quella delle olive con il centro nord che ha già perso 1/3 della produzione. Nei frutteti si teme per gli agrumi, dalle arance ai mandarini, per mele e pere che sono in piena fase di raccolta e per le produzioni di cachi e kiwi dove una grandinata può devastare il lavoro di un intero anno”.

Fonte: Angesir

redazione

Recent Posts

Il Papa a san Zeno incontra i relogiosi e i bambini: “Siate segno di pace”

Al via il viaggio apostolico di Papa Francesco a Verona. L'elicottero partito dal Vaticano è…

18 Maggio 2024

San Venanzio da Camerino: ecco per cosa viene invocato

San Venanzio di Camerino, martire e patrono di Camerino, Camerino (Macerata), 235 ca. - Camerino,…

18 Maggio 2024

“La sua testimonianza è vera” Il commento di mons. Angelo Spina

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 21,20-25 https://www.youtube.com/watch?v=MI0_673oyyQ   In quel tempo, Pietro si voltò e…

18 Maggio 2024

Case green, ecco cosa l’Europa chiede all’Italia

Edilizia "green". Nel 2023 gli investimenti in costruzioni ammontano, in Italia, a poco meno di…

18 Maggio 2024

L’arcivescovo di Marsiglia in missione nel Mediterraneo

Nel Mediterraneo la missione dell'inclusione. L'agenzia missionaria vaticana Fides ha pubblicato l’intervento della giornalista Marie-Lucile…

18 Maggio 2024

La centralità della pastorale carceraria nel magistero di Francesco

Il Papa oggi, sabato18 maggio, sarà nel carcere di Montorio, a Verona, dove è previsto…

18 Maggio 2024