Primo piano

Maldive al voto: perché è un test politico fondamentale

Apparentemente un test locale ma, in realtà, un indicatore politico sulla stabilità delle relazioni tra i Paesi dell’Oceano Indiano (e non solo). Le elezioni presidenziali nelle Maldive potrebbero rappresentare un bilanciatore per le politiche di riavvicinamento in atto con la Cina, che potrebbe ridisegnare l’assetto della leadership nel Sud-Est asiatico, fin qui appannaggio dell’India.

Il voto alle Maldive

Le Maldive votano oggi per le elezioni legislative che si presentano come un test per la politica di riavvicinamento del presidente Mohamed Muizzu alla Cina, a scapito dell’India, da tempo potenza dominante nell’arcipelago turistico dell’Oceano Indiano. Le isole delle Maldive che si trovano nell’Oceano Indiano, occupano una posizione strategica sulle principali rotte marittime internazionali est-ovest, e sono diventate un focolaio di rivalità geopolitica tra India e Cina.

Il contesto

Il presidente, 45 anni, è stato uno dei primi a votare alla Tajuddin School della capitale Malé. Da quando Mohamed Muizzu è entrato in carica alla fine del 2023, i parlamentari hanno bloccato tre delle sue nomine governative e rifiutato alcune delle sue proposte di bilancio. L’attuale parlamento, dominato dal Partito Democratico Maldiviano (Mdp) filo-indiano del suo predecessore Ibrahim Mohamed Solih, ha cercato di contrastare i suoi sforzi per riorientare la diplomazia dell’arcipelago.

L’importanza del test

Si prevede che le divisioni all’interno dei principali partiti politici, compreso il Congresso nazionale del popolo (Pnc) di Muizzu, impediranno ai partiti di ottenere una maggioranza netta, dicono gli osservatori, e renderanno necessaria la formazione di una coalizione. Si prevede che il rilascio, giovedì, del mentore del leader, l’ex presidente Abdulla Yameen, a seguito della revoca da parte di un tribunale della sua condanna a 11 anni di carcere per corruzione e riciclaggio di denaro, dovrebbe rafforzare Muizzu. L’India considera l’arcipelago parte della sua sfera d’influenza, ma le Maldive sono cadute nell’orbita della Cina, il suo maggiore creditore estero, con l’elezione di Muizzu. Sempre a marzo, Malé ha firmato un accordo di “assistenza militare” con Pechino che mira a “rafforzare i legami bilaterali”, secondo il ministero della Difesa delle Maldive.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Cei: “L’autonomia rischia di accentuare gli squilibri dei territori”

La Cei si dice preoccupata del fatto che il nuovo progetto di legge per l'autonomia…

24 Maggio 2024

Recuperate a Gaza le salme di 3 ostaggi: si pensava fossero vivi

La guerra in Medioriente tra Israele e Hamas giunge al giorno 231. L'Idf ha recuperato…

24 Maggio 2024

G7 Finanze, Giorgetti: “L’AI cambierà gli equilibri mondiali”

Al via il G7 Finanze di Stresa, sulle rive del Lago Maggiore. A partecipare al…

24 Maggio 2024

Gaza: la Corte dell’Aja si riunisce su richiesta del Sudafrica

A poche ore dalla decisione della Corte di giustizia internazionale dell'Aja sulla guerra a Gaza,…

24 Maggio 2024

L’Estonia dona 650 mila euro all’Ucraina per gli aiuti umanitari

L'Estonia stanzierà oltre 650.000 euro in aiuti umanitari all'Ucraina, principalmente per sostenere il sistema educativo…

24 Maggio 2024

Maiorca: crolla il primo piano del ristorante, tra le vittime l’eroe Diop

Tragedia a Maiorca dove un terrazzo di un ristorante è crollato sfondando il solaio del…

24 Maggio 2024