Primo piano

Cambiamenti climatici: “Il 2030 sarà l’anno di non ritorno”

Entro il 2030 dovremo aver deciso che direzione prendere per il futuro del nostro pianeta. Dopo tale data non si potrà tornare indietro. E’ stato chiaro il prof. Riccardo Valentini, premio Nobel per la pace per le ricerche sul cambiamento climatico intervenuto in occasione del Convegno alla Pontificia Università Antonianum di Roma sul tema: “Intrecci Mediterranei: Cultura e Sport per la Pace“, nel contesto della Giornata dello Sport per lo Sviluppo e la Pace, istituita annualmente dalle Nazioni Unite il 6 aprile.

Ci troviamo in una situazione critica nel nostro Eden, giardino incantato, che stiamo perdendo a causa della crisi climatica – ha detto Valentini – per fattori come la guerra, le risorse idriche, le ondate di calore e anche, dal punto di vista sociale, le stesse migrazioni, che portano un cambiamento nelle produzioni alimentari”. Per il premio Nobel bisogna iniziare da subito a contrastare questi cambiamenti: una sfida non sol per le nuove generazioni ma anche per quei nuovi Paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Gli scenari che abbiamo oggi ce lo confermano: “Lo sapevamo da 30 anni”, ha detto Valentini sottolineando i dati allarmanti di oggi. Dobbiamo ricordare l’obiettivo di lungo periodo dell’Accordo di Parigi, quello di contenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto della soglia di 2 °C oltre i livelli pre-industriali, e di limitare tale incremento a 1.5 °C, poiché questo ridurrebbe sostanzialmente i rischi e gli effetti dei cambiamenti climatici.

Il 2030 è definito il punto di non ritorno, perché, come ha spiegato il Prof. Valentini, le scelte che avremo adottato o non adottato saranno irreversibili.

Fondamentale per questo motivo l’educazione. “Bisogna ripartire dall’attenzione all’ecologia. Forse i giovani sono sensibili, ma bisogna cercare di arrivare alle nuove generazioni (la nostra i danni li ha già fatti) partendo dalle periferie fino alle scuole più lontane affinché la cultura della casa-comune e della Pace siano sempre più valorizzate”. L’esempio e l’opportunità di studiare e fare ricerca, sono una risposta importante per far cambiare la società e farla cambiare in meglio

Francesco Vitale

Recent Posts

Recuperate a Gaza le salme di 3 ostaggi: si pensava fossero vivi

La guerra in Medioriente tra Israele e Hamas giunge al giorno 231. L'Idf ha recuperato…

24 Maggio 2024

G7 Finanze, Giorgetti: “L’AI cambierà gli equilibri mondiali”

Al via il G7 Finanze di Stresa, sulle rive del Lago Maggiore. A partecipare al…

24 Maggio 2024

Gaza: la Corte dell’Aja si riunisce su richiesta del Sudafrica

A poche ore dalla decisione della Corte di giustizia internazionale dell'Aja sulla guerra a Gaza,…

24 Maggio 2024

L’Estonia dona 650 mila euro all’Ucraina per gli aiuti umanitari

L'Estonia stanzierà oltre 650.000 euro in aiuti umanitari all'Ucraina, principalmente per sostenere il sistema educativo…

24 Maggio 2024

Maiorca: crolla il primo piano del ristorante, tra le vittime l’eroe Diop

Tragedia a Maiorca dove un terrazzo di un ristorante è crollato sfondando il solaio del…

24 Maggio 2024

San Simeone Stilita il giovane, una vita in continua unione con il Signore

San Simeone Stilita il giovane, Sacerdote e anacoreta Antiochia (Turchia), 521 ca. - Monte Mirabile…

24 Maggio 2024