Primo piano

Bonazzi Del Poggetto (apg23): “Respingere i poveri significa respingere la pace”

Maria Serena Bonazzi Del Poggetto della Comunità Papa Giovanni XXIII questa mattina ha presentato a Papa Francesco l’esperienza vissuta a Marsiglia in questa settimana insieme a 70 ragazzi e ragazze di 25 Paesi diversi e altrettanti vescovi. Bonazzi definisce il Mediterraneo una scena di crimini contro l’intera umanità

L’esperienza di Marsiglia

Il Mediterraneo ha molto bisogno di fraternità e di spargerla ovunque, perché questo mare non è solo un cimitero ma una vera e propria scena di crimini contro l’umanità”. Lo ha detto Maria Serena Bonazzi Del Poggetto, della Comunità Papa Giovanni XXIII, presentando questa mattina a Papa Francesco l’esperienza vissuta a Marsiglia in questa settimana, agli Incontri sul Mediterraneo insieme a 70 ragazzi e ragazze di 25 Paesi diversi e altrettanti vescovi. Italiana, Maria Serena vive da due anni in Grecia con la Comunità Papa Giovanni XXIII prima a Lesbo e ora ad Atene dove in una casa famiglia operatori e persone migranti condividono la vita insieme.

Bonazzi Del Poggetto: “Quando costruiamo i muri, chiudiamo le porte anche a Dio”

“Non siamo professionisti, quello che cerchiamo di fare è offrire all’altro quello che siamo. Siamo tutti poveri e tutti abbiamo bisogno degli altri e condividere ciò che siamo, semplicemente accogliendoci a vicenda. Come lei ha detto Santo Padre nella sua visita all’isola di Lesbo respingere i poveri significa respingere la pace”. “Quando respingiamo gli altri, quando chiudiamo le porte, costruiamo i muri, chiudiamo le porte non solo ai nostri fratelli ma anche a Dio”. In questi giorni vescovi e giovani hanno lavorato insieme. Sebbene provenienti ciascuno da contesti diversi, “ho assistito ad un piccolo miracolo”, confida Maria Serena, “oltre a lavorare ed elaborare proposte si è costruita fraternità una fraternità che tocca le 5 sponde del Mediterraneo”. Maria Serena invita a non perdere la speranza perché, dice, ci sono tanti segni e “questa assemblea di vescovi e giovani insieme sono un esempio di questa speranza. Non dobbiamo avere paura”, “perché solo se si ha speranza, si è spinti ad incontrarsi, a dialogare e impegnarsi concretamente”.

Fonte: Angesir

redazione

Recent Posts

Sant’Apollinare: cosa significa il suo nome

Sant'Apollinare, vescovo e martire, patrono di Ravenna e dell'Emilia Romagna. E' originario di Antiochia. La…

20 Luglio 2024

Cure gratuite per i poveri in Uganda. Missione-Kasese

In missione in Uganda dalla parte degli ultimi. A causa della povertà e della conseguente…

20 Luglio 2024

Alzheimer: corsa contro il tempo per i nuovi farmaci

Alzheimer: corsa contro il tempo per individuare protocolli che consentano terapie, cure e prevenzione. La…

20 Luglio 2024

Quali sono le priorità del mandato di von der Leyen

Ursula von der Leyen è stata rieletta per un secondo mandato alla guida della Commissione…

20 Luglio 2024

Fra Emiliano: “Fermiamoci per valorizzare i nostri pensieri”

Ad Avezzano (Aq), a poco più di un'ora da Roma esiste un santuario dedicato alla…

20 Luglio 2024

Solitudine, uno dei problemi più diffusi nella terza età

La solitudine, nella Terza e Quarta età, è una delle problematiche più diffuse del nostro…

20 Luglio 2024