Unicredit varerà un aumento di capitale da 13 miliardi entro marzo 2017

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:30

Unicredit varerà un aumento di capitale da 13 miliardi, interamente garantito. L’assemblea straordinaria dei soci per deliberare sull’operazione è stata convocata il 12 gennaio. Secondo il ceo Jean Pierre Mustier in conference call con i giornalisti l’aumento di capitale di Unicredit da 13 miliardi di euro si terrà “entro la fine del primo trimestre del 2017” spiegando che la vicenda del Monte dei Paschi di Siena non avrà conseguenze sull’operazione. “Siamo molto fiduciosi che la situazione di Mps si risolverà prima della fine dell’anno e non avrà alcun impatto sul nostro aumento di capitale” ha aggiunto

La Banca realizzerà una svalutazione di asset e crediti per 12,2 miliardi nel quarto trimestre dell’anno contestualmente ad un processo di riduzione del rischio che prevede una cartolarizzazione di 17,7 miliardi di sofferenze (Npl) di cui è prevista la cessione nel corso del piano strategico

Il piano industriale prevede ulteriori 6.500 esuberi netti entro il 2019, per una riduzione totale netta degli Fte (dipendenti a tempo pieno, ndr) di circa 14.000 unità entro il 2019. L’istituto di piazza Cordusio pianifica un 21% di riduzione della forza lavoro in Italia al 2019. Si tratta di un quinto dei dipendenti. Prevista la chiusura anche di 800 filiali. Nel piano strategico si prevedono risparmi annui ricorrenti netti per 1,7 miliardi di euro dal 2019 e un rapporto costi/ricavi del Gruppo inferiore al 52% dal 2019. Inoltre una migliore redditività con Rote (return on tangible equity) superiore al 9% dal 2019 e un politica di distribuzione dei dividendi cash compresa tra 20% e 50%. Al 2019 inoltre viene visto un costo del rischio del Gruppo a 49 punti base, in calo di 40 punti base rispetto al 2015

Il target dell’utile al 2019 è pari a 4,7 miliardi di euro, un rapporto tra costi e ricavi inferiore al 52%, un costo del rischio di 49 punti base, un ritorno sul capitale tangibile al 9% e un indicatore di solidità patrimoniale Cet1 fully loaded superiore al 12,5%, con una distribuzione cash superiore al 20%.

Lo scorso 12 dicembre Unicredit ha raggiunto un accordo con i francesi di Amundi per la cessione di Pioneer, società d’investimenti finanziari, per un corrispettivo pari a 3,8 miliardi. Dalla vendita sono rimaste fuori, però, le attività svolte in Polonia. Grazie alla partnership con il gruppo bancario italiano, Amundi potrà “rafforzare ulteriormente la sua posizione come fornitore di riferimento di soluzioni di risparmio per la clientela retail”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.