Legge elettorale, Mattarella richiama il Parlamento: “Sia approvata al più presto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:07

“Il Parlamento approvi al più presto la legge elettorale”. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, prova a riaccendere il dibattito sulla riforma dell’Italicum, su cui le forze politiche non riescono a trovare l’accordo decisivo. Incontrando al Quirinale Pietro Grasso e Laura Boldrini e ha sottolineato l’esigenza che le camere provvedano sollecitamente al compimento di due adempimenti istituzionali: la nuova normativa elettorale e l’elezione di un giudice della Corte Costituzionale. Il capo dello Stato ha chiesto ai presidenti di Camera e Senato di rappresentare ai rispettivi gruppi parlamentari l’urgenza che rivestono entrambe le questioni per il funzionamento del nostro sistema istituzionale.

Ma la partita non è facile. Un’accelerazione potrà avvenire solo a primarie Pd avvenute, quando il neo segretario detterà la linea politica del partito di minoranza relativa. E deciderà come procedere, riformando l’Italicum secondo i rilievi mossi dalla Consulta lo scorso gennaio o proponendo un testo nuovo sul quale cercare l’accordo con le opposizioni. Su questo assunto si muovono le osservazioni di Forza Italia che, con Renato Brunetta, ha invitato Mattarella a rivolgersi “al Partito democratico e al suo segretario in pectore, Matteo Renzi, che da mesi bloccano i lavori della Commissione Affari costituzionali di Montecitorio in attesa che vengano celebrati prima il congresso e poi le primarie dem”. Fi, ha proseguito l’ex ministro in un post su Facebook, “ha presentato una proposta di legge chiara e riconoscibile (una, e non nove come hanno invece fatto gli amici del Pd), è pronta al dibattito e al confronto, con tutte le forze politiche rappresentate in Parlamento, per fare presto e bene una nuova legge elettorale che tenga conto delle indicazioni implicite date dai cittadini con il voto al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre e che garantisca il giusto equilibrio tra il bisogno di governabilità e quello della rappresentanza”.

Il capogruppo dem alla Camera, Ettore Rosato, ha però assicurato: “Sin da oggi ci preoccuperemo in conferenza di capigruppo di calendarizzare entrambe le questioni, sulle quali peraltro la presidente Boldrini è sempre stata sensibile e attiva”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.