L'A26 riapre parzialmente, Genova evita l’isolamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:14

Transito su una corsia per ogni senso di marcia sull’autostrada A26, tra l'allacciamento con la A10 e lo svincolo di Masone. La riapertura del tratto di strada – spiega l’Aspi – permette comunque di svolgere le verifiche tecniche sui viadotti Fado e Pecetti ritenuti ammalorati e non sicuri. Ancora chiusa l’A6 e ora una frana sull'Aurelia per Arenzano manda in tilt anche l’A10. Sul tratto autostradale dell'A26 riprende la circolazione in parte, su richiesta della ministra De Micheli che ha convocato i vertici di Aspi, dell'autostrada A26, tra l'allacciamento con la A10 e lo svincolo di Masone, grazie ad uno scambio di carreggiata che consente il transito su una corsia per ogni senso di marcia. Ciò permette comunque di svolgere le verifiche tecniche sui viadotti Fado e Pecetti, ma eviterà a Genova il rischio di isolamento dopo la chiusura dell'A6. Nel capoluogo ligure, il sindaco Bucci ha disposto l'utilizzo gratuito dell'intera rete urbana di trasporto pubblico, fino alla fine dell'emergenza.

Toti: “Voglio una task force a Genova”

Interviene duramente il governatore Toti: “Voglio una task force, voglio un tavolo che si riunisca a Genova, voglio ministri che vengano a Genova, stanziamenti straordinari di miliardi per questa regione e uno scudo legislativo che ci consenta di agire e tranquillizzare i cittadini” ed ancora: “Ogni minuto che passa, la città di Genova, la regione Liguria e l'economia italiana perdono milioni e milioni di euro per l'incoscienza di qualcuno, perdono credibilità, perdono possibilità di riaversi da una tragedia come quella che abbiamo già avuto del Ponte Morandi”. 

Il punto sul maltempo

Prosegue intanto l'allerta maltempo al Nord. A Pavia però sta calando il livello del Ticino ed il Po è sceso a 5,17 metri a Ponte della Becca mentre l'ondata di piena ha raggiunto nella notte l'Emilia, con il colmo che è transitato a Piacenza intorno all'una, con un'altezza di 8,20 metri.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.