Allerta caldo in 5 città

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:53

Una settimana, l'unica secondo le previsioni, di caldo torrido e tempo soleggiato in questa strana estate 2018. E' il colpo di coda dell'anticiclone africano che, dopo aver spesso ceduto alle perturbazioni atalantiche, in questo avvio di agosto ci donerà qualche giorno di stabilità.

Bollino rosso

Le città “bollenti” aumenteranno di numero e domani saranno in totale otto. Il bollino rosso indica il livello 3 di allerta, contrassegnato, spiega il ministero, da “ondata di calore” e “condizioni ad elevato rischio che persistono per 3 o più giorni consecutivi“. L'allarme riguarderà oggi Bologna, Bolzano, Genova, Perugia e Pescara. Domani sarà la volta di Bologna, Bolzano, Campobasso, Firenze, Genova, Perugia, Pescara e Rieti. Le regioni più calde saranno quelle del centro-nord e la Sardegna, con afa in aumento e temperature massime che potranno sfiorare i 38-40 gradi. La morsa del caldo non darà tregua nemmeno la sera, con valori che anche all'alba faranno fatica a scendere sotto i 25 gradi in diverse località di mare e di pianura del centro-nord.

Previsioni

“L'alta pressione porterà prevalenza di tempo soleggiato e caldo intenso in tutta Italia. Le piogge in questa settimana saranno quindi davvero poche – spiegano all'Ansa i meteorologi del Centro Epson Meteo – limitate per lo più a qualche temporale di calore che nelle ore più calde del giorno potrebbe formarsi soprattutto sull'Appennino meridionale. Le regioni più direttamente coinvolte dal gran caldo saranno il Nord, il medio versante tirrenico e la Sardegna, tutte zone dove il termometro raggiungerà diffusamente valori vicini ai 35 gradi, ma con picchi intorno ai 38 gradi, specie nei fondovalle alpini, in Val Padana e nelle zone interne del Centro e della Sardegna. Farà caldo anche sulle regioni centrali adriatiche, al Sud e in Sicilia ma con valori di temperature e livelli di umidità più contenuti”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.