Meteo e Viaggi

Maltempo: in arrivo la “goccia fredda” in tutta Italia

Dopo le intense nevicate del fine settimana migliora la situazione in Molise. Stamattina è tornato il sole su gran parte della regione ma in diversi comuni i mezzi spartineve sono ancora al lavoro per ripulire le strade. Si lavora anche per rimuovere rami e alberi distrutti dal forte vento.

In una decina di comuni, compreso Campobasso, i sindaci hanno disposto per oggi la chiusura delle scuole. Intanto la Protezione civile regionale ha prorogato lo stato di allerta anche per tutta la giornata di oggi perché in serata è previsto un nuovo peggioramento delle condizioni meteo con la quota neve che si abbasserà fino a 100 metri. Previsti anche forti venti e mare molto mosso.

Le previsioni del prossimi giorni

La fase instabile e invernale apertasi, come da previsioni meteo, in quest’ultimo fine settimana, avrà ancora uno strascico nei prossimi 2/3 giorni. Lo scrive Meteo Web.

La circolazione rimarrà impostata dai quadranti settentrionali o addirittura continentali ancora per 48/72 ore, quindi con contesto che rimarrà invernale fino al mercoledì 2 Marzo e, anzi, con una fase che vedrà una recrudescenza dell’azione fredda e anche relativamente instabile per alcune regioni.

La “goccia fredda” in Italia

In particolare, secondo le ultimissime previsioni meteo, tra la sera notte di lunedì 28 e poi la giornata di martedì 1 marzo, dovrebbe giungere sull’Italia una “goccia fredda” proveniente, ironia della sorte, proprio dalle regioni ucraine, terra martoria dall’invasione russa.

Il nucleo di aria gelida in quota, fino a -34°C intorno ai 5400 m, ma con aria gelida anche alle quote medio-basse, sino a -8° a 1500 m, comporterebbe un repentino e sensibile, ulteriore calo termico su tutta l’Italia, di più al Centro Nord, e un rinnovo dell’instabilità invernale, questa essenzialmente sulle regioni del medio-basso Adriatico, su quelle relative appenniniche, sulla Lucania, anche sulla Calabria e sulle aree centro-orientali e settentrionali della Sicilia, specie sul Messinese.

Oltre alle piogge, a locali rovesci e anche locali temporali, tornerebbero le occasioni per nevicate fino a bassissima quota sul medio Adriatico, occasionalmente fiocchi anche sulle coste, neve a bassa quota anche sul Centro Sud Appennino, Puglia e fino in collina sul Nord della Sicilia. Questo secondo attacco invernale, non sarebbe della consistenza del primo, soprattutto in termini di durata e di abbondanza dei fenomeni, ma lascerebbe il segno perché senz’altro più freddo dell’evento appena trascorso e con fiocchi a quote molto basse.

Milena Castigli

Recent Posts

Chi erano i santi Quirico e Giulitta

Santi Quirico e Giulitta, martiri, Iconio (Turchia), ?- Tarso (Turchia), 304 ca. Giulitta, nobile e…

16 Giugno 2024

Campagna Apmo contro il rischio cecità. Sos prevenzione

Il principale obiettivo dell'Associazione pazienti malattie oculari (Apmo) è di evitare ipovisione e cecità. "Vogliamo…

16 Giugno 2024

“E’ più bello insieme”: iniziativa Caritas per l’infanzia ucraina

Iniziativa Caritas per l'Ucraina: vacanze solidali per settecento bambini. Con l'arrivo del primo gruppo di…

16 Giugno 2024

Perché la fede è come un seme

Come un piccolo granello di seme formerà un giorno un albero meraviglioso, così è la…

16 Giugno 2024

“Spostapoveri”: scelta ecologica razionale o necessità sociale?

Lo “spostapoveri” è un termine (reso famoso e consacrato da un film del 2021, dal…

16 Giugno 2024

Tre parabole per imparare dalla natura

Siamo al capitolo quarto del vangelo di San Marco, il capitolo delle parabole. L'evangelista ne…

16 Giugno 2024