LA VOCE DEGLI ULTIMI

Inquinamento killer: lo smog uccide 26 persone al minuto. Sos Laudato si’

La scure dello smog in combe su Creato e creature. Sos ecologia l’inquinamento grava sulla salute del pianeta e dei suoi abitanti uccidendo 26 persone ogni minuto. Un’emergenza globale per la sanità, quindi. Lo studio di quanto lo smog incida sulla condizione della “casa comune” scaturisce dalla collaborazione tra la comunità accademica e quella spirituale. Tra l’Istituto per l’Ambiente di Stoccolma e il Dicastero vaticano per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale. Stabilisce fatti e soluzioni essenziali su argomenti chiave. Insieme a consigli su come le comunità possono rispondere.

Sfida culturale

Si ispira all’enciclica di Papa Francesco, “Laudato si’, sulla cura della casa comune”. Il documento “green” del Magistero pontificio rintraccia le radici dell’attuale crisi ecologica nel consumo eccessivo e negli attuali modelli di sviluppo economico. Emerge così una “grande sfida culturale, spirituale ed educativa che implicherà lunghi processi di rigenerazione” (LS 202). Alla quale sono chiamati anche e soprattutto i luoghi e gli spazi in cui si forma l’educazione, come l’Università. Che rappresenta il più alto livello di istruzione orientato a formare alla responsabilità. “Restituendoci e riappropriandoci del senso della nostra dignità“.

“Costo di mortalità”

Si tratta di questioni prioritarie per tutti la condizione generale e individuale di tutti e di ciascuno. In risposta alla richiesta di salvaguardia e rinascita appunto della “casa comune”. Silvi Costruzioni Edili punta il dito contro il traffico. E contro l’inquinamento urbano che dipende anche dalla vetustà dei nostri edifici. Gli analisti riportano i dati scientifici sulle cause di tumori ai polmoni, malattie cardiache ed ictus. “Un milione di tonnellate di emissioni hanno un ‘costo di mortalità’ pari a ben 240 persone ed a produrle bastano le emissioni annuali di 220 mila automobili. Oppure quelle di 35 aerei di linea“, spiegano gli autori del rapporto. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) stima in oltre 13 milioni i decessi annui dovuti a cause ambientali che incidono direttamente sulla salute. Con una previsione di 45 milioni di morti da qui ai prossimi 30 anni. “Nel mondo 9 persone su 10 respirano aria inquinata. 3,6 miliardi di persone non hanno accesso a servizi igienici sicuri. E altri 2 miliardi non dispongono di acqua potabile”, commenta Silvia Silvi, general manager Sce.

Emissioni di Co2 nell’aria

Rimedi allo smog

Come uscire dall’emergenza smog? “Occorre accelerare sui nuovi sistemi automatizzati di gestione del traffico basati su soluzioni di Intelligenza Artificiale. E, per quello che riguarda più da vicino il nostro settore, sugli edifici intelligenti“, risponde Gianni Silvi. L’ amministratore delegato Sce si riferisce in particolare alle tecnologie smart. Per costruire, in pratica, “edifici smart”. In grado di ridurre gli sprechi e le emissioni. Aggiunge Gianni Silvi: “Di fatto l’edilizia sta implementando prodotti e processi sempre più efficienti. Coniugando le innovazioni tecnico-scientifiche con l’utilizzo di risorse naturali. In questo modo si arriva a ridurre i consumi energetici e l’inquinamento. E ad aumentare anche il benessere. Come con le finestre che ci svegliano dolcemente autoregolando la loro opacità. E che mutano le loro caratteristiche ottiche in base alle condizioni climatiche esterne. E in funzione delle specifiche esigenze del sistema-edificio. Oppure le finestre che si autoriscaldano. Che regolano la luce e il calore. E che riescono perfino a ‘catturare’ l’anidride carbonica“.

Ecologia integrale

In base all’enciclica “Laudato si'” dare concretezza al nuovo paradigma di “ecologia integrale” vuole dire far interagire l’ecologia nelle sue varie dimensioni. Ciò implica la coesistenza tra l’ecologia ambientale (analisi dell’ecosistema naturale) e l’ecologia economica (analisi del sistema produttivo/distributivo). Tra l’ecologia socio-culturale
(analisi del sistema istituzionale che regola le relazioni umane sulla base dei principi di sussidiarietà/solidarietà), con l’ecologia umana. Adottando una “visione più integrale e integrante” (LS 141). Significa far leva sulla libertà umana che “è capace di limitare la tecnica, di orientarla. E di metterla al servizio di un altro tipo di progresso, più sano, più umano, più sociale e più integrale”. (LS 112). Vuol dire “recuperare i diversi livelli dell’equilibrio ecologico. Quello interiore con sé stessi- Quello solidale con gli altri. Quello naturale con tutti gli esseri viventi. Quello spirituale con Dio” (LS 210).

 

 

 

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Dall’Italia alla Florida: l’evento “Il Made in Italy che Vorrei” ospitato al MIMIT

“Il Made in Italy è ormai sinonimo di prodotto di qualità ed eccellenza in tutto…

22 Maggio 2024

L’Inter passa a Oaktree: “Consapevoli della responsabilità”

Mancava solo l'annuncio ufficiale e, ora, è arrivato anche quello: la cordata americana Oaktree è…

22 Maggio 2024

Campi Flegrei: continua il bradisismo del suolo

Il vulcanologo Mauro Di Vito, direttore dell'Osservatorio Vesuviano dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, ha…

22 Maggio 2024

Santa Rita: da Cascia un appello per la pace nel mondo

"In questi tempi colpiti dalla violenza della guerra dove sembra che la rivalità e l’odio…

22 Maggio 2024

Rapporto Istat: “Il 54% dei cittadini è soddisfatto del sistema giudiziario”

Quasi 6 milioni di persone sono state coinvolte almeno una volta nella vita in una…

22 Maggio 2024

Inquinamento delle città italiane: la situazione

E' stato presentato il rapporto "MobilitAria" redatto dai ricercatori di Kyoto Club e del Cnr:…

22 Maggio 2024