Intervento

L’importanza della Giornata Mondiale del vivere insieme in pace

La Giornata Mondiale del vivere insieme in pace è stata ufficialmente proclamata nel 2018 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 72/130. Essa ha la finalità di promuovere nella comunità internazionale le azioni necessarie per promuovere la tolleranza, la solidarietà e l’inclusione fondamentali per mantenere la pace. Celebrare questo momento, ad oggi, è ancora più importante. La nostra “Casa comune” è lambita da numerosi conflitti, come la guerra in Ucraina e nella Striscia di Gaza di cui, molte persone innocenti, ne stanno pagando le conseguenze peggiori e nefaste. La convivenza pacifica quindi, attraverso il ritorno celere ad una diplomazia improntata al confronto anziché all’aggressione, deve tornare ad essere il presupposto fondamentale delle relazioni tra gli Stati.

La società civile e l’associazionismo cattolico, in un mondo nuovamente pervaso da una mentalità spiccatamente bellicistica e da una rinnovata corsa agli armamenti che ricorda i momenti più bui della Guerra Fredda, seguendo l’insegnamento di Papa Francesco, hanno il compito di riaffermare la dignità della vita e la potenza costruttrice del dialogo. Nel 2024 è inammissibile che, la risoluzione delle dispute territoriali tra Paesi diversi, debba passare ancora per conflitti sanguinosi. L’Europa, in particolare, dopo aver vissuto due guerre mondiali, ha il dovere di ergersi a strenuo difensore della pace, valorizzando gli esempi di fraternità e superamento delle divergenze che, la levatura dei padri fondatori, De Gasperi, Schumann e Adenauer, aveva superato attraverso il dialogo.

L’antidoto alle guerre dunque, risiede nel perseguire, ancora oggi e con maggior vigore, quei preziosi insegnamenti di pace, allontanando la violenza insensata e fratricida della guerra. Solo in tal modo, la celebrazione di questa importante Giornata, avrà senso compiuto. Dobbiamo consegnare ai nostri figli un mondo e un futuro migliore in cui, i conflitti tra i popoli, devono rappresentare solamente un lontano ricordo che non dovrà più affacciarsi nella storia dell’umanità.

Martino Troncatti

Recent Posts

Chi erano i santi Quirico e Giulitta

Santi Quirico e Giulitta, martiri, Iconio (Turchia), ?- Tarso (Turchia), 304 ca. Giulitta, nobile e…

16 Giugno 2024

Campagna Apmo contro il rischio cecità. Sos prevenzione

Il principale obiettivo dell'Associazione pazienti malattie oculari (Apmo) è di evitare ipovisione e cecità. "Vogliamo…

16 Giugno 2024

“E’ più bello insieme”: iniziativa Caritas per l’infanzia ucraina

Iniziativa Caritas per l'Ucraina: vacanze solidali per settecento bambini. Con l'arrivo del primo gruppo di…

16 Giugno 2024

Perché la fede è come un seme

Come un piccolo granello di seme formerà un giorno un albero meraviglioso, così è la…

16 Giugno 2024

“Spostapoveri”: scelta ecologica razionale o necessità sociale?

Lo “spostapoveri” è un termine (reso famoso e consacrato da un film del 2021, dal…

16 Giugno 2024

Tre parabole per imparare dalla natura

Siamo al capitolo quarto del vangelo di San Marco, il capitolo delle parabole. L'evangelista ne…

16 Giugno 2024