Saper vivere l'Avvento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

L'Avvento è il tempo del silenzio, dell'ascolto, della speranza e della gioia. Per fare silenzio è importante recarsi, idealmente, nel nostro cuore, il luogo dove Dio ci parla. La coscienza è il nucleo più segreto e il sacrario dell'uomo, dove egli è solo col Signore, la cui voce risuona nell'intimità (Gs n.18). In un mondo pieno di rumori fuori e dentro di noi, il silenzio che non è solo assenza di rumori, ma è pienezza di una Presenza che riempie il nostro vuoto e la nostra infelicità. Ascolta il Silenzio, per ascoltare Dio. Quando chiudi gli occhi, vedi il Cielo dentro di te.

C'è poi l'ascolto. Quello di se stessi, della Parola di Dio, della realtà e degli altri. L'ascolto è lo spazio di vita che diamo agli altri. Per ascoltare bisogna tacere, accogliere e saper condividere. Chi ascolta, impara, obbedisce, cresce; chi non lo fa rimane con le proprie idee e non cresce né umanamente e né spiritualmente.

Avere speranza è la cosa più difficile. Disperare è più semplice ed è una grande tentazione (Charles Peguy). Non facciamoci prendere dalla disperazione, dallo scoraggiamento, perché Dio è una continua novità, luce, sorpresa. Non lasciamoci rubare la speranza, ci ricorda Papa Francesco, e teniamo sempre a mente che la disperazione è “un vocabolo vuoto inventato dalle persone che non guardano mai le stelle”. (Monique Proulx)

La gioia è quella per un Bambino che sta per nascere che nella sua fragilità ci meraviglia, ci stupisce, ci lascia nel cuore la scia di luce della Stella della Redenzione. Un cristiano che non ride non è serio. Un cristiano che non è felice non si sente figlio del Risorto.

L'Avvento, dunque, è il tempo in cui noi ci fermiamo davanti a Dio e facciamo un bilancio e un rilancio della nostra vita. Un tempo per meditare e per ridipingere la nostra vita di colori nuovi, progetti belli e sogni che si realizzano solo se messi nel calice sull'altare e ad occhi aperti con il nostro impegno quotidiano. “Il cristiano”, ha scritto il cardinale Newman, “è colui che attende il Cristo”. Noi attendiamo, non in maniera passiva, ma con il cuore e la vita colui che viene come uno Sposo per la nostra anima.

Chiudiamo con le parole alla Vergine dell'Attesa del vescovo e servo di Dio Tonino Bello: “Santa Maria, Vergine dell'attesa, donaci un'anima vigiliare. Giunti alle soglie del terzo millennio, ci sentiamo purtroppo più figli del crepuscolo che profeti dell'avvento. Sentinella del mattino, ridestaci nel cuore la passione di giovani annunci da portare al mondo, che si sente già vecchio. Portaci, finalmente, arpa e cetra, perché con te mattiniera possiamo svegliare l'aurora. Di fronte ai cambi che scuotono la storia, donaci di sentire sulla pelle i brividi dei cominciamenti. Facci capire che non basta accogliere: bisogna attendere. Accogliere talvolta è segno di rassegnazione. Attendere è sempre segno di speranza. Rendici, perciò, ministri dell'attesa. E il Signore che viene, Vergine dell'avvento, ci sorprenda, anche per la tua materna complicità, con la lampada in mano”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.