Glocal News

Terremoti in Afghanistan, Unicef: “Aiutare i 96mila bambini senza casa”

I due terremoti di magnitudo 6.3 che hanno scosso l’Afghanistan hanno ucciso oltre 1.000 persone; ma altre migliaia hanno bisogno di assistenza urgente e salvavita. Oltre il 90% delle vittime dei recenti terremoti in Afghanistan sono donne e bambini. Nel solo distretto di Zinda Jan, oltre 11.500 persone hanno visto le loro case completamente rase al suolo.

Il finanziamento attraverso questo appello consentirà all’Unicef di attuare il Piano di risposta al terremoto, della durata di 3 mesi, rivolto a 200.000 persone, tra cui 96.000 bambini nei distretti più colpiti.

Terremoti in Afghanistan, Unicef: “Aiutare i 96mila bambini senza casa”

Oltre il 90% delle vittime dei recenti terremoti in Afghanistan sono donne e bambini. Nel solo distretto di Zinda Jan, oltre 11.500 persone hanno visto le loro case completamente rase al suolo. Con due terremoti di magnitudo 6,3 che hanno scosso la regione in soli cinque giorni e oltre 1.000 persone uccise, altre migliaia hanno bisogno di assistenza urgente e salvavita. Con un comunicato diffuso oggi, l’Unicef ha lanciato un appello per un finanziamento iniziale di 20 milioni di dollari, che comprende primo soccorso, cure di emergenza e traumatologiche per neonati, bambini, adolescenti e donne, sia nelle strutture sanitarie urbane che attraverso team sanitari mobili; punti per la reidratazione orale per prevenire o rispondere ai focolai di diarrea acquosa acuta, aggravati da sistemi idrici danneggiati o distrutti; riabilitazione delle strutture per l’acqua e i servizi igienici nelle scuole e nelle strutture sanitarie; monitoraggio e trattamento dei bambini colpiti da malnutrizione; kit per l’igiene familiare; assistenza in denaro per 1.400 famiglie di Zinda Jan, il distretto più colpito della provincia di Herat; Sostegno psicosociale per i bambini traumatizzati e i loro genitori e spazi di apprendimento temporanei per garantire la continuità dell’istruzione mentre l’Unicef conduce le valutazioni sugli edifici scolastici danneggiati.

“Anche prima del terremoto, queste comunità stavano già soffrendo gli effetti del conflitto e dell’insicurezza, della migrazione, della siccità, dello sfollamento e della povertà”, afferma Rushnan Murtaza, rappresentante Unicef ad interim in Afghanistan. “Queste privazioni si sono ora sovrapposte, creando un’emergenza umanitaria senza precedenti per i bambini”. Il finanziamento attraverso questo appello consentirà all’Unicef di attuare il Piano di risposta al terremoto, della durata di 3 mesi, rivolto a 200.000 persone, tra cui 96.000 bambini nei distretti più colpiti.

Fonte: AgenSIR

redazione

Recent Posts

Ucraina: 7 morti nei raid russi contro edifici civili a Kharkiv

La guerra in Ucraina giunge al giorno 820. Sette persone sono state uccise negli attacchi…

23 Maggio 2024

Plastica monouso, l’Ue apre una procedura di infrazione contro l’Italia

La Commissione Ue ha aperto una procedura di infrazione nei confronti di Roma per non…

23 Maggio 2024

Asti, il presidente Mattarella ricorda Giovanni Goria

Il Presidente della Repubblica si è recato ad Asti nell’ambito delle celebrazioni in occasione dell’anniversario…

23 Maggio 2024

“La piaga della tratta si può sconfiggere”: il Papa alla rete Talitha Kum

"Per sconfiggere la tratta di persone, una delle piaghe più terribili del nostro tempo, è…

23 Maggio 2024

Meloni: “I valori di Falcone più forti delle bombe di Capaci”

"Giovanni Falcone ci ha insegnato che 'gli uomini passano, le idee restano'": è un passaggio…

23 Maggio 2024

Carlo Acutis sarà santo: riconosciuto un nuovo miracolo

Papa Francesco ha riconosciuto un nuovo miracolo compiuto per intercessione del beato Carlo Acutis. Il…

23 Maggio 2024