Glocal News

Morta Marisa Rodano, il cordoglio di Mattarella

E’ morta a Roma Marisa Rodano, ultima parlamentare vivente della prima legislatura. Lo ha riferito all’ANSA il genero ed ex parlamentare Antonello Falomi. Partigiana cattolica, Maria Lisa Cinciari sposò Franco Rodano. Fu eletta in Parlamento con il Pci nella prima legislatura. Il presidente Mattarella ha scritto un messaggio di cordoglio: “La sua figura costituisce un esempio per tutte le italiane e gli italiani che si dedicano all’impegno civile per il bene comune”.

Addio Marisa Rodano, ultima deputata della I legislatura

Partigiana, femminista, parlamentare, prima donna a divenire vicepresidente della Camera, Marisa Rodano, deceduta a 102 anni, viene definita “fra le personalità più illustri della storia della Repubblica italiana” dall’enciclopedia delle donne e a lei si deve la scelta della mimosa come simbolo della giornata internazionale delle donne, l’8 marzo. Fino ad oggi è stata l’ultima parlamentare ancora in vita delle prima legislatura, a testimonianza di un percorso lungo e carico di impegno a 360 gradi, in favore dell’emancipazione sociale e femminile in particolare, come hanno sottolineato i numerosissimi messaggi di cordoglio giunti dal mondo progressista. Maria Luisa Cinciari, a tutti nota come Marisa Rodano dopo le nozze nel 1944 con Franco Rodano, nasce a Roma il giorno della fondazione del Pci, il 21 gennaio 1921, un segno del destino per lei, cattolica.

L’impegno politico

Già al liceo e poi all’università si impegna con i gruppi antifascisti tanto da venire arrestata nel maggio 1944 e rinchiusa in carcere: la polizia le sequestrò tutti gli appunti della tesi in lettere. Durante l’occupazione nazista, insieme al Movimento dei Cattolici comunisti partecipa all’attività dei partigiani, pur non avendo mai voluto usare un arma, come ha raccontato nelle sue “Memorie di una persona che c’era”. Già in questa fase si impegna per l’emancipazione della donna, perché capisce che è attraverso di loro che la società farà o meno passi avanti.

Il suo racconto del voto per il referendum del 2 giugno 1946 sembra lo script del film di Cortellesi. Entrata nel 1945 con il Movimento dei Cattolici Comunisti nel Pci, in questo partito ha vissuto tutto il suo impegno politico, sin dall’elezione nel 1948 alla Camera, dove rimase sino al 1968: nella sua quarta legislatura venne eletta vicepresidente della Camera, a testimonianza del prestigio di cui godeva. Nel 1972 passò in Senato, per poi trascorrere due legislature nel Parlamento europeo, anche in quella sede impegnata sui temi dell’emancipazione femminile, come le battaglie sulla parità previdenziale o sulla parità nell’acquisizione della cittadinanza. A questi impegni si è associato quello nella politica locale (fu consigliere comunale a Roma dal 1946 al 1956) e nell’associazionismo, in particolare con Unione donne italiane (Udi), di cui fu tra le fondatrici nel 1945. Nel 2015 fu nominata cavaliere di Gran Croce dal presidente Mattarella su proposta del premier Renzi. Intensissimo il sodalizio con il marito Franco, anch’egli cattolico e ascoltato consigliere di Enrico Berlinguer, e tra i pensatori che ispirarono 50 anni fa la proposta del “compromesso storico”, un rapporto interrotto dalla morte prematura di Franco nel 1983.

Il cordoglio di Mattarella

“Marisa Cinciari Rodano, partigiana, parlamentare, deputata europea, prima donna a assumere l’incarico di vicepresidente della Camera, ha dedicato la sua esistenza all’attività politica, battendosi per la libertà e, successivamente, per la parità di genere e per i diritti e la giustizia sociale. La sua figura, lucida e appassionata, costituisce un esempio e un riferimento per tutte le italiane e gli italiani che si dedicano all’impegno civile per il bene comune. Alla sua famiglia invio i miei più sentiti sentimenti di cordoglio”. Lo afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

L’Italia si nasconde in vista della Spagna

Meno tre alla sfida di Gelsenkirchen contro la Spagna, indicativa per la qualificazione agli ottavi,…

17 Giugno 2024

Stoltenberg: “Più armi all’Ucraina: da qui passa la pace”

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, attribuisce a un maggior flusso di armi occidentali…

17 Giugno 2024

Metz, quattro accoltellati in strada

Paura per le strade di Metz, in Francia, dove quattro persone sono state accoltellate in…

17 Giugno 2024

Giubileo: le iniziative della diocesi dell’Umbria

La diocesi dell'Umbria si prepara al grande Giubileo del 2025 mettendo in campo, in ciascuna…

17 Giugno 2024

Un miliardo le persone vivono in aree a rischio desertificazione

Oltre un miliardo le persone nel mondo sono interessate dal processo di desertificazione. Tra quelli…

17 Giugno 2024

Calabria, barca di migranti capovolta a largo della costa

A cento miglia dalle coste della Calabria, una barca a vela con a bordo decine…

17 Giugno 2024