Glocal News

Microcredito per le donne vittime di violenza: uno strumento per ripartire

Il Centro antiviolenza di Messina, con la Caritas locale, ha provveduto ad avviare le procedure previste dall’ente nazionale del Microcredito a favore di una donna vittima di violenze domestiche rimasta senza risorse dopo l’allontanamento del marito. Il microcredito le permetterà di ripartire e di vivere in un luogo adatto a lei e ai figli.

Violenza su donne, microcredito erogato a vittima e figli

Erogato per la prima volta a Messina il microcredito di libertà ad una vittima di violenza presa in carico dal Centro antiviolenza dell’associazione Evaluna e seguita dai servizi sociali del Comune di Messina che hanno supportato ed accompagnato la donna ed i suoi figli. Il microcredito di libertà è uno strumento pensato per promuovere l’autonomia e le potenzialità delle donne, finanziato con un fondo di garanzia da 3 milioni di euro, frutto dell’accordo tra Ministero delle Pari Opportunità, Abi, Federcasse, Caritas e Ente Nazionale del Microcredito.

Il Centro antiviolenza ha provveduto ad avviare le procedure previste dall’ente nazionale del Microcredito e, grazie a Salvo Pappalardo, vicedirettore e referente del servizio microcredito della Caritas diocesana di Catania la donna ha ottenuto questo finanziamento dalla Banca UniCredit di Messina.

Lo scopo del microcredito

Le somme ottenute saranno utilizzate per garantire ai suoi figli un ambiente di vita più confortevole e fare fronte ai debiti accumulati in seguito all’allontanamento dell’ex compagno. Il microcredito di libertà è uno strumento di supporto per le vittime di violenza che a seguito della denuncia si trovano a dover ricostruire il proprio futuro e quello dei propri figli, ripartendo grazie a questo prestito a tasso agevolato creato per dare opportunità di riscatto a chi normalmente non sarebbe ammesso ad un prestito bancario. L’augurio della presidente dell’associazione Evaluna, Concetta Restuccia, è che queste misure di prestito agevolato possano essere fruite con facilità dalle vittime. “Il microcredito infatti può essere erogato – spiega – oltre che per fini sociali anche per la creazione di attività di autoimprenditoria, favorendo così l’emancipazione e l’autonomia di chi ha scelto di vivere libera dalla violenza”.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Chi erano i santi Quirico e Giulitta

Santi Quirico e Giulitta, martiri, Iconio (Turchia), ?- Tarso (Turchia), 304 ca. Giulitta, nobile e…

16 Giugno 2024

Campagna Apmo contro il rischio cecità. Sos prevenzione

Il principale obiettivo dell'Associazione pazienti malattie oculari (Apmo) è di evitare ipovisione e cecità. "Vogliamo…

16 Giugno 2024

“E’ più bello insieme”: iniziativa Caritas per l’infanzia ucraina

Iniziativa Caritas per l'Ucraina: vacanze solidali per settecento bambini. Con l'arrivo del primo gruppo di…

16 Giugno 2024

Perché la fede è come un seme

Come un piccolo granello di seme formerà un giorno un albero meraviglioso, così è la…

16 Giugno 2024

“Spostapoveri”: scelta ecologica razionale o necessità sociale?

Lo “spostapoveri” è un termine (reso famoso e consacrato da un film del 2021, dal…

16 Giugno 2024

Tre parabole per imparare dalla natura

Siamo al capitolo quarto del vangelo di San Marco, il capitolo delle parabole. L'evangelista ne…

16 Giugno 2024