Strage in India, 61 neonati morti in 72 ore: arrestato il direttore dell’ospedale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:15

Sono almeno 61 i bambini indiani, per lo più neonati, che nelle ultime 72 ore sono deceduti nell’ospedale Baba Raghav Das di Gorakhpur, stato settentrionale dell’Uttar Pradesh. Si tratta della stessa struttura sanitaria dove, ad inizio agosto, erano morti altre 70 bambini, apparentemente per mancanza di ossigeno. Gli ultimi decessi invece, secondo quanto ha riferito la Ndtv, le fonti sanitarie hanno comunicato che sette bambini sono morti dopo aver contratto l’encefalite, mentre gli altri piccoli si sarebbero spenti dopo aver contratto diverse patologie.

La situazione in peggioramento con le inondazioni

Un medico del reparto di pediatria, che si occupa dei casi di encefalite, ha dichiarato che la situazione potrebbe peggiorare a causa delle piogge e delle inondazioni. “Stiamo ricevendo molti pazienti dall’Uttar Pradesh orientale, dal Bihar e dal Nepal che sono stati colpiti da una forte ondata di maltempo legata al monsone stagionale, e questo porta a un possibile aumento del numero di decessi”.

Da inizio anno, 1.250 bambini morti

Secondo le statistiche disponibili nello stesso ospedale Brd, dall’inizio dell’anno sono morti 1.250 bambini per encefalite e nel reparto di rianimazione neonatale. Il 29 agosto, il direttore dell’ospedale, dottor Rajeev Mishra, e sua moglie, sono stati arrestati nell’ambito delle indagini per la morte dei bambini avvenuta a inizio agosto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.