LUNEDÌ 11 FEBBRAIO 2019, 17:08, IN TERRIS


STRAGE DI VIAREGGIO

Chiesti 15 anni e 6 mesi per Moretti: "Rinuncio alla prescrizione"

L'ex ad di Fs: "Lo faccio per rispetto delle vittime e perché sostengo la mia innocenza"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'area nei pressi della stazione danneggiata dall'incendio
L'area nei pressi della stazione danneggiata dall'incendio
U

na richiesta di condanna a 15 anni e 6 mesi è stata avanzata dalla Procura generale di Firenze nei confronti di Mauro Moretti, sia come ad di Rfi che di Fs (per questa parte era già stato assolto in primo grado rispeto a una richiesta di 7 anni), in relazione alla strage di Viareggio che, nel 2009, provocò 32 morti. Per Michele Mario Elia (ex ad di Rfi) la Procura ha chiesto 14 anni e 6 mesi, mentre per Vincenzo Soprano, ex amministratore delegato di Ternitalia, 7 anni e 6 mesi. Tutte le richieste considerando 6 mesi di taglio per la prescrizione di alcuni reati, tra i quali incendio e lesioni personali colpose. Già prima della seduta, era arrivata la decisione di Moretti di rinunciare alla prescrizione: "Ho preso atto di quello che ha detto il procuratore. Sono parecchi anni che si discute in merito alla prescrizione, sono stato spesso portato a bersaglio, per la prescrizione per i gravi fatti di Viareggio. Rinuncio alla prescrizione non tanto per polemica alla discussione ma per rispetto alle vittime, ai familiari delle vittime e al loro dolore. Lo faccio perché ritengo di essere innocente". La requisitoria era iniziata annunciando i nomi delle vittime e proseguita con le parole del sostituto pg Luciana Piras, spiegando in merito alle richieste che "non si può non rilevare che fatti gravissimi vengano cancellati dalla prescrizione come un colpo di spugna e ciò lascia un forte senso di ingiustizia... E' per mio dovere, solo per questo dovere, che chiedo di non doversi procedere".


L'incidente

Il processo fa riferimento alla strage ferroviaria che, nella notte del 29 giugno 2009, causò la morte di 32 persone, provocata da un'esplosione di un convoglio che trasportava propano liquido, deragliato nei pressi della stazione di Viaerggio a una velocità di 90 chilometri orari. Il deragliamento (cuasato pare dalla frattura di un asse di collegamento di due ruote sottostanti il vagone della cisterna) aveva portato al danneggiamento del convoglio e alla conseguente fuoriuscita del gas, con un incendio esplosivo che aveva investito le case vicine.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La casa dei Turpin a Perris, California
LA SENTENZA

Casa degli orrori in California: 25 anni ai coniugi

I due avevano vissuto per anni a Perris segregando in casa i loro figli, incatenati e denutriti
Sergio Mattarella
ELEZIONI EUROPEE

Mattarella: "Sovranismo? Non minaccerà l'Ue"

Il Capo dello Stato a "Revue de Politique Internationale": "Sull'immigrazione servono soluzioni europee"
Corydalis densiflora subsp. apennina
MARCHE - UMBRIA

Scoperta una nuova pianta sugli Appennini

L'Italia è il terzo Paese più ricco di diversità vegetale dell'area mediterranea
Sfruttamento della prostituzione
TORINO

Sfruttamento della prostituzione: 11 arresti

I fermati sono 8 donne e 3 uomini tutti di nazionalità nigeriana
Armando Siri
CAOS GOVERNO

Siri si difende: "Usato come carne da macello"

Il sottosegretario: "Tangente? Ma siamo matti? Mai preso un soldo"
La chiesa dell'Abbazia di Praglia
PADOVA

L'acqua e i benedettini, tra storia e discernimento

Nell'Abbazia di Praglia, i cicli di seminari di "Armonie composte - Gestione, cura e costruzione del suolo"