Chiesa Cattolica

Udienza, Papa: “Un applauso alle donne, se lo meritano”

Sono riprese oggi le udienze generali in piazza San Pietro, dopo i mesi invernali in Aula Paolo VI. Il Papa è arrivato sulla papamobile alle 8.45 circa, e ha fatto subito salire a bordo cinque bambini che si sono goduti il giro tra i vari settori della piazza, al termine del quale i piccoli ospiti sono stati congedati da Francesco con un apposito saluto, mentre scendevano dalla jeep bianca e lui si recava nella sua postazione al centro del sagrato.

Papa Francesco: udienza, “l’evangelizzazione non è proselitismo”

L’evangelizzazione si fa sempre in ecclesia, cioè in comunità, e senza mai fare proselitismo: quella non è evangelizzazione”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, che ha dedicato anche l’udienza di oggi, pronunciata in piazza San Pietro, allo zelo apostolico, soffermandosi in particolare sul Concilio Vaticano II, “per scoprire che evangelizzare è sempre un servizio ecclesiale, mai solitario, mai isolato, mai individualistico”.

“C’è come un ponte tra il primo e l’ultimo Concilio, nel segno dell’evangelizzazione, un ponte il cui architetto è lo Spirito Santo”, la tesi di Francesco: “L’evangelizzatore, infatti, trasmette sempre ciò che lui stesso o lei stessa ha ricevuto. Lo scriveva per primo San Paolo: il vangelo che lui annunciava e che le comunità ricevevano e nel quale rimanevano salde è quello stesso che l’apostolo aveva a sua volta ricevuto. Si riceve la fede e si trasmette la fede”.

“Questo dinamismo ecclesiale di trasmissione del messaggio è vincolante e garantisce l’autenticità dell’annuncio cristiano”, ha ricordato il Papa citando la lettera di San Paolo ai Galati: “Se anche noi stessi, oppure un angelo dal cielo vi annunciasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunciato, sia anatema”. “E’ bello questo, e questo viene bene a tante visioni che sono alla moda”, ha commentato a braccio: “La dimensione ecclesiale dell’evangelizzazione costituisce perciò un criterio di verifica dello zelo apostolico”.

Papa, “L’amore di Dio è per tutti, non è per un gruppetto soltanto”

“L’amore di Dio non è per un gruppetto soltanto, è per tutti: quella parola mettetevela bene nel cuore, tutti, nessuno escluso”. Lo ha detto il Papa, nella catechesi dell’udienza di oggi, dedicata allo zelo apostolico, e in particolare all’eredità del Concilio Vaticano II, a partire dal decreto Ad gentes.

“L’amore del Padre ha per destinatario ogni essere umano”, ha ribadito Francesco: “È un amore che raggiunge ogni uomo e donna attraverso la missione del Figlio, mediatore della salvezza e nostro redentore, e mediante la missione dello Spirito Santo, che opera in ciascuno, sia nei battezzati sia nei non battezzati”.

“La tentazione di procedere in solitaria è sempre in agguato, specialmente quando il cammino si fa impervio e sentiamo il peso dell’impegno”, il monito del Papa, secondo il quale “altrettanto pericolosa è la tentazione di seguire più facili vie pseudo-ecclesiali, di adottare la logica mondana dei numeri e dei sondaggi, di contare sulla forza delle nostre idee, dei programmi, delle strutture, delle relazioni che contano”. “Questo non va, questo deve aiutare un po’, ma il principale è un’altra cosa”, ha commentato a braccio: “la forza che lo Spirito ti dà per annunciare il Vangelo, tutte le altre cose non sono necessarie”.

Papa: “Un applauso alle donne, se lo meritano”

“Non dimentichiamo il dolore del martoriato popolo ucraino: soffre tanto”. È l’ennesimo appello del Papa, pronunciato al termine dell’udienza di oggi in piazza San Pietro, al termine dei saluti ai fedeli di lingua italiana. “Abbiamolo sempre presente nei nostri cuori e nelle nostre preghiere”, l’invito di Francesco.

“Nella Giornata internazionale della donna, penso a tutte le donne: le ringrazio per l’impegno a costruire una società più umana, mediante la loro capacità di cogliere la realtà con sguardo creativo e cuore tenero. Questo è un privilegio solo delle donne”. È l’augurio del Papa per l’8 marzo, pronunciato al termine dell’udienza di oggi in piazza San Pietro, durante i saluti ai fedeli di lingua italiana. “Una benedizione particolare per tutte le donne presenti in piazza”, ha concluso Francesco: “un applauso alle donne, se lo meritano”.

Fonte: AgenSIR

redazione

Recent Posts

Papa: “Cattolici in Cina: contributo reale alla convivenza sociale”

Papa Francesco, in un messaggio per il Convegno internazionale sulla Chiesa in Cina, intitolato “100…

21 Maggio 2024

Sale il prezzo del gasolio, scende la benzina

Prezzo del gasolio ancora in crescita mentre cala - dopo i rialzi delle settimane precedenti…

21 Maggio 2024

I Paesi Bassi forniranno l’Ucraina di carri armati

La guerra in Ucraina è giunta al giorno 818. Proseguono gli attacchi russi su Kharkiv,…

21 Maggio 2024

La raccolta fondi presidenziali tra Biden e Trump ha un chiaro vincitore

Joe Biden ha raccolto 51 milioni di dollari ad aprile per la campagna 2024, mentre…

21 Maggio 2024

San Costantino il grande, venerato in Oriente come il tredicesimo apostolo

San Costantino il grande, Imperatore Serbia, 285 ca. - Nicomedia (Turchia), 22/05/337. Non è presente…

21 Maggio 2024

Agenda 2030: la sfida dello sviluppo sostenibile

Non c'è futuro senza sviluppo sostenibile. La Snaitech Sustainability Week è la settimana ideata dall'azienda…

21 Maggio 2024