Chiesa Cattolica

Sudafrica, appello dei vescovi per la pace sociale

L’impegno dei vescovi sudafricani per la pace sociale. A quasi 30 anni dalla fine dell’apartheid e dell’instaurazione della democrazia il processo di riconciliazione nazionale si è rallentato. Ciò, riferisce l’agenzia missionaria vaticana Fides, “a causa della crescita delle ineguaglianze sociali e della povertà”. Padre Peter John Pearson è il responsabile dei rapporti con il Parlamento per la conferenza episcopale che riunisce i vescovi di Sudafrica, Botswana ed Eswatini. Le diseguaglianze economiche sono così profonde che i risultati ottenuti nei primi 10 anni dalla fine dell’apartheid “sono stati cancellati”. Di conseguenza anche il processo di riconciliazione nazionale ne soffre. Perché, sottolineano i vescovi, “questo va avanti nella misura in chi la gente ne trae beneficio”.

Sos dei vescovi

“Siamo in un periodo pericoloso- evidenzia padre Pearson-. Le cose che diamo per scontate si stanno sfasciando. Crescono le tensioni relative alle questioni razziali ma soprattutto concernenti le ineguaglianze economiche. E cioè forti sperequazioni di reddito, disoccupazione dilagante“. Nel 2024 i sudafricani saranno chiamati al voto per il rinnovo del Parlamento e degli organi provinciali. I sondaggi mostrano la sfiducia della maggioranza dei sudafricani verso i propri politici. Intanto emergono alcune minoranze politiche che sembrano ben intenzionate a imprimere una svolta alla politica in Sudafrica. “I cambiamenti politici – aggiunge padre Pearson- sono spesso predicati da una minoranza iniziale molto piccola”. La responsabilità maggiore di questa situazione è del sistema politico incapace di rigenerarsi. E di porre un freno alla corruzione dilagante al suo interno. Ma anche il sistema economico e la società civile hanno la loro parte di responsabilità. Soprattutto per non essere stati capaci di opporsi alle derive della politica. E di rimanere silenti di fronte alla corruzione e al malgoverno.

Distribuzione del reddito

Il Sudafrica ha la più alta disuguaglianza di reddito al mondo. Con un coefficiente di Gini pari a circa 0,67. Il coefficiente di Gini è una misura statistica ampiamente utilizzata per valutare la distribuzione del reddito nella popolazione di un Paese. Assume un valore compreso tra 0 e 1. Un coefficiente pari a 1 indica una disuguaglianza perfetta. Ovvero in cui un individuo in un Paese guadagnerebbe tutto il reddito nazionale. Al contrario, un coefficiente pari a 0 è un indicatore di perfetta uguaglianza. Dove il reddito del paese è distribuito totalmente tra tutti i suoi cittadini. Le ineguaglianze economiche sono traiate dall’alto tasso di disoccupazione, ufficialmente del 32.6%. Un dato che però non tiene conto di coloro che hanno cessato di cercare un impiego. La maggior parte di chi lavora ha bassi guadagni. Al punto che il 10% delle famiglie sudafricane più ricche è responsabile di circa il 52% della spesa complessiva a livello nazionale. Il 10% delle famiglie più povere contribuisce solo per lo 0,8% alla spesa totale.

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Ponte del 25 Aprile: traffico da bollino rosso

In vista del ponte del 25 Aprile, la circolazione sulle strade italiane, si prospetta da…

24 Aprile 2024

Smolensk: attaccati due depositi petroliferi russi

A Smolensk, i servizi speciali ucraini, hanno colpito due depositi petroliferi dove erano stoccati 26…

24 Aprile 2024

Card. Pizzaballa: “Ineluttabile la soluzione dei Due Stati”

Il patriarca latino di Gerusalemme, card. Pierbattista Pizzaballa, ha descritto la situazione in Terra Santa…

24 Aprile 2024

In aumento gli attacchi di hacker filorussi all’Italia

  Italia sotto attacco degli hacker filorussi e, in un caso, filopalestinesi. Lo si evince…

24 Aprile 2024

Atene si tinge di arancione: i motivi

Un'Atene insolitamente arancione ha accolto turisti e cittadini presi alla sprovvista. La capitale greca e…

24 Aprile 2024

Papa: “La superbia è un veleno potente”

"La superbia è un veleno potente: ne basta una goccia per guastare tutta una vita…

24 Aprile 2024