Chiesa Cattolica

Nord Kivu, all’origine della guerra civile

Sos questione fondiaria nel Nord Kivu. Si tratta, riferisce l’agenzia missionaria vaticana Fides, di un fattore decisivo e spesso trascurato delle guerre nell’est della Repubblica Democratica del Congo. La guerra nel Nord Kivu che vede come protagonista l’M23 vien subita dai congolesi come una guerra d’aggressione perpetrata dal vicino Ruanda servendosi di questo gruppo armato. L’M23, dopo la sconfitta nel 2013, aveva avviato colloqui con il governo congolese con la mediazione dell’Uganda, sfociati in negli accordi di Nairobi del 12 novembre 2013. Adducendo il mancato rispetto delle intese, l’M23 ha poi ripreso le ostilità nel 2021. Se i diversi attori del conflitto nell’est della Repubblica Democratica del Congo si disputano il controllo delle risorse minerarie locali, a fondamento dell’instabilità della zona vi sono pure fattori etnici e fondiari. Questi ultimi non sono solo conflitti tra comunità diverse per il controllo di pascoli o terreni agricoli.

Foto di aboodi vesakaran su Unsplash

Controversia-Nord Kivu

Vi sono controversie fondiarie tra agricoltori e grandi concessionari, tra comunità rurali e compagnie minerarie, tra allevatori e agricoltori e tra parchi nazionali (ad esempio il Parco Nazionale Virunga) e le popolazioni della zona. L’accesso alla terra, e in particolare alla terra arabile, è quindi una fonte di conflitto tra etnie diverse, soprattutto nel territorio del Masisi. Dove gli Hutu e i Tutsi sono considerati immigrati e il loro accesso alla terra è contestato dalle comunità che considerano se stesse come indigene. L’accesso al potere è essenziale per ottenere e conservare il territorio. Anzi, il godimento della terra è regolato sia dalla legge scritta che da quella consuetudinaria. In certe situazioni, i leader tradizionali sono costretti a convivere con l’M23. Un’altra strategia dei guerriglieri è la destabilizzazione del regno di un leader consuetudinario, creando e alimentando i conflitti tradizionali nelle aree occupate. Dall’aprile 2022 l’M23 ha iniziato a istituire gradualmente un’amministrazione parallela. Il movimento nomina le persone a capo degli enti da esso controllati in base a considerazioni etniche o comunque in base ai legami con l’M23 o a gruppi ad esso affiliati.

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Sace: “L’export di beni italiani è in aumento”

Il report di Sace ha evidenziato che, l’export di beni italiani, subirà un incremento del…

25 Giugno 2024

Cina: proteste contro le sanzioni dell’Ue

La Cina ha protestato contro l’Unione Europea per la decisione di imporre sanzioni nei confronti…

25 Giugno 2024

Toninelli (Ispi): “Le conseguenze di un conflitto tra Libano e Israele”

Le tensioni sempre più forti tra l’esercito israeliano e Hezbollah preoccupano il mondo. Secondo l’Alto…

25 Giugno 2024

Valditara: “La scuola deve rimettere al centro la persona”

Il Ministro dell'Istruzione, Giuseppe Valditara, è intervenuto alla conferenza stampa sulla Relazione annuale al Parlamento…

25 Giugno 2024

Mantovano: “Scarsa consapevolezza di quanto fa male qualsiasi tipo di droga”

A Palazzo Chigi si è svolta la conferenza stampa sulla Relazione annule al Parlamento sul…

25 Giugno 2024

Mattarella: “Dall’Intelligenza Artificiale nuove sfide alla finanza”

Il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Paolo Savona, presidente della Consob (acronimo…

25 Giugno 2024