Chiesa Cattolica

Trent’anni di “Centesimus Annus”. La missione della fondazione “Pro Pontifice”

In missione caritativa per conto del Papa. Quest’anno la Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice celebra i suoi 30 anni di vita: 1993-2023. Costituita con atto chirografo di San Giovanni Paolo II il 5 giugno 1993 oggi è presente in 4 continenti, 15 Paesi ed opera attraverso 18 gruppi locali e 13 nazionali ai quali partecipano circa 350 aderenti. La Fondazione trae origine e nome dalla Lettera Enciclica Centesimus Annus promulgata dal Papa Giovanni Paolo II il 1 maggio 1991. Tale riferimento ne indica l’idea ispiratrice e lo scopo: una particolare adesione all’insegnamento pontificio in campo sociale. E un convinto sostegno alle numerose iniziative caritative del Santo Padre. La memoria per costruire il futuro. “Pensare e agire in termini di comunità” (FT,116). Questo il titolo della prossima conferenza internazionale che si svolgerà il 5 e 6 giugno presso l’Aula nuova del Sinodo. Un titolo che allo stesso tempo contiene la storia e il futuro della Fondazione.

Missione solidale

“Una conferenza, che per l’appunto, a partire dalla consapevolezza del cammino fatto in trent’anni di attività guarda ai prossimi passi da fare sia a livello di gruppi locali nei territori sia a come realizzare la sua missione nel futuro”, spiega Anna Maria Tarantola, presidente della Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice. La quale aggiunge che: “Il carisma della Fondazione è stato sempre orientato verso l’impegno quotidiano ad operare come laici secondo i principi della Dottrina Sociale della Chiesa. Valori che rappresentano un costante richiamo alla pace, all’etica, alla democrazia, alla solidarietà, alla lotta contro povertà e diseguaglianze per uno sviluppo orientato al bene comune”.

Messaggi papali

In occasione della conferenza sarà presentato il volume dedicato ai “Trent’anni di messaggi papali alla Centesimus Annus”. Un testo che rappresenta una guida per l’azione futura della Fondazione proponendo un quadro dell’evoluzione della Dottrina Sociale della Chiesa attraverso i discorsi dei Pontefici. Il programma della conferenza si compone di due momenti: La mattina di lunedì 5 giugno, dopo la Santa Messa celebrata dal cardinale Mauro Gambetti, ci sarà la relazione del Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin. Subito dopo i partecipanti saranno ricevuti in udienza privata da Papa Francesco. Mentre il pomeriggio sarà dedicato ai lavori dei vari gruppi locali della Fondazione. Il secondo giorno, martedì 6 giugno, vedrà alternarsi al tavolo dei relatori, autorevoli rappresentanti delle istituzioni ecclesiali e aderenti alla Fondazione che svolgono un ruolo di responsabilità nell’accademia, nel mondo dell’impresa e del credito, nel settore non profit e del volontariato internazionale, nonché le voci di coloro che sono stati presidenti della Fondazione. 

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Metz, quattro accoltellati in strada

Paura per le strade di Metz, in Francia, dove quattro persone sono state accoltellate in…

17 Giugno 2024

Giubileo: le iniziative della diocesi dell’Umbria

La diocesi dell'Umbria si prepara al grande Giubileo del 2025 mettendo in campo, in ciascuna…

17 Giugno 2024

Un miliardo le persone vivono in aree a rischio desertificazione

Oltre un miliardo le persone nel mondo sono interessate dal processo di desertificazione. Tra quelli…

17 Giugno 2024

Calabria, barca di migranti capovolta a largo della costa

A cento miglia dalle coste della Calabria, una barca a vela con a bordo decine…

17 Giugno 2024

Cina: “Discussione equa di tutti i piani di pace per l’Ucraina”

In riguardo alla conferenza di pace sulla guerra in corso in Ucraina, Pechino ha rivendicato…

17 Giugno 2024

Ondata di calore record in Italia: arriva l’anticiclone

Un anticiclone africano porterà un'intensa ondata di calore in Italia, con temperature fino a 10°C…

17 Giugno 2024