Chiesa Cattolica

Iraq, la diaspora dei cristiani

In Iraq più del 90 per cento dei cristiani fuggiti da Mosul non pensa di farvi ritorno. Quello che hanno visto e subito ha creato un muro psicologico. Alcuni sono stati cacciati, altri si sono sentiti traditi. Adesso molti vivono a Ankawa, il distretto di Erbil abitato da cristiani, si sentono più sicuri, c’è più possibilità di lavorare. Non pensano di tornare in una città che è molto cambiata da come era quando ci vivevano. Non la riconoscerebbero. L’agenzia missionaria vaticana Fides racconta Mosul, 10 anni dopo. Era il 10 giugno del 2014 quando i miliziani jihadisti dello Stato Islamico riuscirono a fra sventolare le loro bandiere nere su tutta la seconda città irachena. Intanto le truppe governative si ritiravano dalla metropoli. Prima dell’arrivo dei jihadisti, a Mosul vivevano almeno 1200 famiglie cristiane. Mosul è stata sottratta allo Stato Islamico dal 2017. Da allora, i cristiani fuggiti che hanno fatto stabile ritorno alle loro case sono pochissimi. “Sono circa 30-40 famiglie, spesso non complete. Molti sono anziani. Diverse famiglie vanno e vengono da altri posti, non rappresentano una presenza stabile e che si riesce a notare” conferma a Fides Paolo Thabit Mekko, vescovo caldeo di Alqosh.

Foto di Levi Meir Clancy su Unsplash

Sos Iraq

I giorni della conquista jihadista di Mosul vengono ricordati come l’inizio di un tempo pieno di traumi e dolore, che sembra aver mutato profondamente il profilo di una città un tempo descritta come luogo di convivenza tra diverse comunità di fede, compresa quella che viene riconosciuta come una delle più antiche comunità cristiane del mondo. Fino a due decenni fa, i cristiani a Mosul erano più di 100mila, inseriti in un tessuto sociale in cui la maggioranza sunnita conviveva con sciiti, yazidi e altre minoranze. Il numero dei cristiani era iniziato poi a diminuire dopo l’intervento militare a guida Usa che nel 2003 aveva portato alla caduta del regime di Saddam Hussein. Da allora erano aumentate le violenze di matrice settaria. Nel giugno di 10 anni fa, molte famiglie cristiane avevano lasciato Mosul già prima della conquista completa della città da parte dei miliziani di Daesh.

Foto di Levi Meir Clancy su Unsplash

Diaspora caldea

Il 12 giugno, l’allora arcivescovo caldeo di Mosul, Amel Shimon Nona, confermava a Fides che la stragrande maggioranza delle 1.200 famiglie cristiane aveva lasciato la città. Lui stesso e i suoi sacerdoti avevano trovato riparo nei villaggi della Piana di Ninive come Kramles e Tilkif, a poche decine di chilometri da Mosul. Allo stesso tempo, l’Arcivescovo Nona smentiva le voci su attacchi alle chiese operati dagli uomini di Daesh. “La nostra chiesa dedicata allo Spirito Santo” riferiva allora a Fides l’arcivescovo “è stata saccheggiata da bande di ladri ieri e l’altro ieri, mentre la città veniva presa da Daesh. Ma le famiglie musulmane residenti nei dintorni hanno chiamato proprio i miliziani islamisti, che sono intervenuti ponendo fine al saccheggio.

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Esodo estivo, due giornate da bollino nero

Tutto pronto per il primo esodo estivo, con almeno un paio di giorni che saranno…

19 Luglio 2024

Parigi, tutto pronto per i Giochi Olimpici

Da un evento all’altro di questa caldissima estate del 2024. Dopo gli Europei di calcio…

19 Luglio 2024

Mons. Lorefice: “Il martirio delle vittime non ha ancora ricevuto verità”

L'arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, durante la messa in memoria di Paolo Borsellino e…

19 Luglio 2024

Save the Children: 880mila minori in Italia esposti al caldo estremo

Le recenti ondate di calore estremo in Italia stanno mettendo in pericolo il benessere di…

19 Luglio 2024

Papa: il programma del viaggio apostolico in Lussemburgo e Belgio

La Sala stampa vaticana ha reso noto il programma del viaggio apostolico di Papa Francesco…

19 Luglio 2024

Computer in crash in tutto il mondo: cancellati migliaia di voli

Guasti tecnici informatici sono stati segnalati in tutto il mondo a causa dell'aggiornamento di un…

19 Luglio 2024