Chiesa Cattolica

Il “genio femminile” per costruire la pace. Il ruolo della fede

La pace passa da quello che Giovanni Paolo II chiamava il “genio femminile”. Un dialogo interculturale che veda protagoniste le donne “per costruire un percorso di pace”. E’ il senso del convegno “Le religioni attraverso le azioni delle donne” che si è svolto alla Biblioteca nazionale “Vittorio Emanuele III” di Napoli. Vi hanno preso parte rappresentanti delle comunità cattolica, ortodossa, valdese-metodista. Luterana, ebraica, musulmana e dell’Esercito della Salvezza presenti sul territorio. Al convegno è intervenuto anche l’arcivescovo di Napoli, don Mimmo Battaglia. L’incontro è stato aperto dalle relazioni introduttive. Di Maria Iannotti, direttrice della Biblioteca Nazionale di Napoli. Della filosofa Esther Basile. Del teologo don Gennaro Matino. Presenti con interventi e testimonianze Layla M. Ammar (comunità musulmana), pastora Lidia Bruno (Esercito della Salvezza). Lucia Esposito (Comunità di Sant’Egidio), Elisabetta Kalampoka Fimiani (Chiesa Ortodossa). Miriam Rebhun (Comunità Ebraica), pastora Kirsten Thiele (Chiesa Luterana). Pastora Letizia Tomassone (Chiesa valdese-metodista).

Religioni per la pace

A moderare l’incontro è stata Adriana Valerio, delegata della diocesi di Napoli. Le conclusioni sono state affidate all’arcivescovo Battaglia. Un’iniziativa nel solco del dialogo interculturale e interreligioso. Un impegno che vede coinvolte ogni giorno le donne, di diverse confessioni, religioni, tradizioni e culture. In tanti ambiti diversi della società. L’arcidiocesi di Napoli e la Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III intendono dare attuazione ad una progressione di confronti dialettici. Sul piano giuridico, storico, filosofico e religioso. Con l’obiettivo di superare le contrapposizioni. E di eliminare ogni forma di discriminazione e ogni cultura della violenza. L’obiettivo è la creazione di un Osservatorio permanente su diritti culture religioni, Per costruire un comune cammino di pace e condivisione. Così da rappresentare un’occasione di scambio e di confronto interculturale continuo.
Giacomo Galeazzi

Recent Posts

San Vladimiro il Grande, ecco perchè viene chiamato “Isoapostolo”

San Vladimiro il Grande, Kiev (Ucraina), 966 ca. - Kiev, 15/07/1015 E' il figlio illegittimo…

15 Luglio 2024

Il primato della grazia nel Magistero pontificio

L'attenzione spirituale nasce dal primato della grazia. L’evangelizzazione per il Papa non ha nulla a…

15 Luglio 2024

Senza welfare non c’è politica sociale europea. La tutela necessaria

Tutela europea per i diritti sociali. Non c'è giustizia senza equità. In senso lato per…

15 Luglio 2024

Disturbo Arfid: natura, cause e soggetti coinvolti

Il rifiuto dei bambini verso alcuni cibi, oggi un fenomeno in crescita nei Paesi occidentali…

15 Luglio 2024

La ferita della democrazia difficile da rimarginare

L’orecchio ferito di Donald Trump – a un centimetro appena dalla morte e dalla seconda…

15 Luglio 2024

L’impegno per rendere il web accessibile

L'accessibilità web è un tema cruciale che va oltre l'uso dei tradizionali screen reader, includendo…

15 Luglio 2024