Chiesa Cattolica

Amore e serenità: il sentiero verso la Beatificazione

Testimone di carità a un passo dalla beatificazione. In 46 anni di vita a Roma Francesca Lancellotti aiutò tante persone provate dalla vita con i suoi “singolari carismi”, ottenendo anche “eventi straordinari, come guarigioni fisiche e morali“. E trasformando la sua casa in “un punto di riferimento spirituale per la Capitale”. E’ morta il 4 settembre 2008 nell’ospedale San Giovanni: i funerali furono celebrati nella chiesa di Santo Spirito in Sassia “con molta partecipazione di popolo”. E’ fissata per sabato 11 maggio, nella Basilica papale di San Paolo fuori le mura, a Roma, la solenne cerimonia di lettura e consegna del decreto di venerabilità di Francesca Lancellotti, nata a Oppido Lucano (Potenza) il 7 luglio 1917 e morta nella Capitale il 4 settembre 2008. La cerimonia prevede la “presentazione delle virtù eroiche della venerabile” e una concelebrazione eucaristica alla quale parteciperà l’arcivescovo di Acerenza (Potenza), monsignor Francesco Sirufo. Successivamente, nella chiesa di Santa Maria ai Monti è prevista una preghiera sulla tomba della venerabile. Francesca Lancellotti manifestò fin da bambina una “spiccata devozione” alla Madonna venerata nel Santuario del Belvedere, a circa tre chilometri da Oppido, dove andava ogni giorno.
Foto di Patrick Fore su Unsplash

A un passo dalla beatificazione

“Costretta dal padre a sposarsi”, contrariamente al suo desiderio di consacrarsi a Dio in un istituto religioso, ebbe due figli che educò insieme al marito “in un clima di amore e serenità”. La sua “vita di preghiera e la sua “concreta carità, specie durante la Seconda Guerra Mondiale”, attirarono tante persone. Il 7 luglio 1956 ebbe “una straordinaria esperienza mistica“. Con “la visione dell’Arcangelo Michele” che le disse di trasferirsi a Roma. Dove giunse con la famiglia nel 1960, abitando nel quartiere di Primavalle, poi vicino al Pantheon e successivamente in via del Seminario. Partecipò agli “sforzi della diocesi di Roma nell’affrontare la crisi morale e materiale” esistente. Dedicandosi “a soccorrere le fragilità di tanta gente bisognosa di aiuto morale e materiale“.
Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Antonio da Padova, il santo di tutti

Parlare di Antonio di Padova, uno dei santi più venerati della Chiesa, significa ricordare la…

13 Giugno 2024

Sant’Eliseo: ecco cosa significa il suo nome

Sant'Eliseo, profeta dell'Antico Testamento, S. ELISEO Profeta dell'Antico Testamento Palestina, ?- Samaria (Palestina), 790 a.C.…

13 Giugno 2024

Ue-Africa: le politiche migratorie dopo il voto europeo

Un ponte tra Ue e Africa dopo le elezioni europee. Oltre alla guerra scatenata dalla…

13 Giugno 2024

Iraq, la diaspora dei cristiani

In Iraq più del 90 per cento dei cristiani fuggiti da Mosul non pensa di…

13 Giugno 2024

La grande sfida del G7: usare l’intelligenza (umana)

La questione del finanziamento della resistenza ucraina all’invasione russa con i beni del Cremlino all’estero…

13 Giugno 2024

Siccità in Italia: è già emergenza

"Al momento abbiamo una severità idrica alta per quanto riguarda la Sicilia, che è la regione del…

13 Giugno 2024