Attualità

Myanmar, elicotteri del regime attaccano una scuola: morti 11 bimbi

Elicotteri della giunta militare birmana hanno colpito una scuola a Tabayin, nel centro-nord del Myanmar (o Birmania), uccidendo almeno 13 persone, tra cui 11 bambini.

L’amministratrice dell’istituto ha raccontato che stava cercando di portare gli studenti in un nascondiglio sicuro quando, venerdì scorso 16 settembre, due dei quattro elicotteri governativi Mi-35 che si sono alzati a nord del villaggio di Let Yet Kone aTabayin, a circa 110 km a nord-ovest di Mandalay, hanno iniziato a sparare con mitragliatrici e armi più pesanti contro la scuola. La scuola, che conta 240 studenti dall’asilo alle elementari, è situata in un complesso del monastero buddista del villaggio.

L’attacco alla scuola

L’attacco alla scuola, secondo la giunta militare, aveva come obiettivo i ribelli che si nascondevano nell’area. “Gli alunni non hanno fatto nulla di male, non avrei mai pensato che sarebbero stati colpiti dalle mitragliatrici”, ha detto l’amministratrice della scuola, Mar Mar. Quando lei, gli alunni e gli insegnanti sono riusciti a rifugiarsi nelle aule, una maestra e un bimbo di 7 anni erano già stati colpiti al collo e alla testa. “Hanno continuato a sparare contro il complesso dall’alto per un’ora”, ha detto Mar Mar. “Non si sono fermati nemmeno per un minuto”.

Quando l’attacco aereo è cessato, la donna ha raccontato che circa 80 soldati sono entrati nel complesso del monastero, sparando con le loro armi contro le aule e ordinando a tutti i presenti di uscire. Mar Mar ha riferito di aver visto circa 30 alunni con ferite sulla schiena, sulle cosce, sul viso e su altre parti del corpo. Alcuni avevano perso degli arti.

I soldati, scrive il Guardian riportato da TgCom24, hanno catturato anche più di 20 persone, tra cui 9 bambini feriti e tre insegnanti. Due persone sono state accusate di essere membri della Forza di Difesa Popolare antigovernativa, l’ala armata della resistenza all’esercito.

Unicef: “Scomparsi 15 bambini”

“Almeno 15 bambini della stessa scuola risultano scomparsi”, si legge in una nota del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) che chiede il loro rilascio “immediato e sicuro”. “Le scuole devono essere sicure. I bambini non devono mai essere attaccati”, prosegue la nota dell’Unicef.

Da quando i militari hanno estromesso il governo eletto di Aung San Suu Kyi nel febbraio 2022, le Nazioni Unite hanno documentato 260 attacchi a scuole e personale educativo, ma questo sarebbe il più alto numero di bambini uccisi.

Milena Castigli

Recent Posts

Beato Agostino da Biella, apostolo del confessionale

Beato Agostino da Biella, sacerdote domenicano. Biella, 1430 - Venezia, 22/07/1493 Proviene dalla nobile famiglia…

22 Luglio 2024

Focus-ambiente: verso il Green deal Ue

La difesa dell'ambiente come ponte fra fede e scienza. Suor Roberta Vinerba dirige l'Istituto Superiore…

22 Luglio 2024

Affrontare seriamente la crisi della democrazia

Da un secolo e mezzo la Dottrina sociale della Chiesa va incontro alla fragilità antropologica…

22 Luglio 2024

“Abilismo”: causa, conseguenze e soggetti coinvolti

L’abilismo consiste nel comportamento e nel giudizio posti in essere, intenzionalmente o involontariamente, per discriminare…

22 Luglio 2024

Come garantire un futuro degno alle persone anziane

Prendersi cura delle persone più fragili è uno degli indicatori principali del livello di avanzamento…

22 Luglio 2024

Limiti e sfide dell’addestramento dell’AI

OpenAI ha sviluppato il metodo di Reinforcement Learning from Human Feedback (RLHF)  (RLHF) per migliorare…

22 Luglio 2024