Attualità

L’Inter ride, il Milan piange

Superato a pieni voti l’esame Bergamo per l’Inter che soffre, stringe i denti, ma la spunta su una volitiva Atalanta. E’ il successo che permette a Inzaghi di allungare in vetta. Atalanta scavalcata al quarto posto dal Napoli. Ma la notizia di giornata è l’inaspettato crollo del Milan, battuto a San Siro dall’Udinese. Rossoneri che scivolano a meno sei dalla vetta

Inter a denti stretti

Un primo tempo all’insegna dell’acqua. Piove forte su Bergamo e il gioco ne risente. L’Atalanta ci prova con Ruggeri, fuori. Mezz’ora di nulla, l’Inter perde Pavardi per infortunio, al suo posto Darmian. E sarà proprio il neo entrato a firmare l‘episodio che decide la prima frazione. L’esterno entra in area palla al piede e viene steso da Musso: nessun dubbio, rigore che Calhanoglu trasforma con la solita freddezza. All’intervallo è 1-0 Inter.

Meglio i nerazzurri di Inzaghi nella ripresa. Subito occasione Dimarco, Lautaro fa 2-0 ma annullato per posizione irregolare. L’Atalanta non decolla, l’Inter allunga e all’ora di gioco trova il raddoppio con uno splendido gol di Lautaro Maryinez. Il capocannoniere del campionato la piazza con un tiro a giro da posizione defilata pazzesco che muore all’incrocio della porta difesa da Musso. Partita finita? Manco per idea perché la Dea non molla, si scuote e la riapre a stretto giro con Scamacca che raccoglie il centro di Lookman e col piatto supera Sommer: 1-2. E il finale è tutto bergamasco ancora con Scamacca, ma altrettanto bravo il portiere Sommer che salva l’Inter. Sei di recupero con l’Atalanta che resta in dieci per il rosso a Toloi. Più nulla da fare, vince l’Inter e rafforza il primato e stasera è a +5 sulla Juve attesa domani a Firenze dai Viola.

Il Milan perde l’attimo

I rossoneri escono tra i fischi di un San Siro deluso e amareggiato. Il Milan crolla in casa contro l’Udinese che non aveva mai vinto in questo campionato. L’ha fatto nella giornata obiettivamente più difficile, ma con pieno merito, sbancando la San Siro rossonera per 1-0. Decide all’ora di gioco un calcio di rigore trasformato da Pereyra per un tocco di Adli su Ebosele. Il Milan veniva dal pari in rimonta subito dal Napoli ed era chiamato a rispondere all’Inter, ma non l’ha fatto, addirittura perdendo in casa, finendo stasera a sei punti dalla capolista nerazzurra. E i fischi di San Siro, inclementi, a sintetizzare un autentico momentaccio per i rossoneri. Gara sottotono da parte degli uomini di Pioli, gestita male con tante responsabilità da parte di Pioli. Vince l’Udinese, il primo squillo che non si scorda mai. E che squillo.

Mg Milano 04/11/2023 – campionato di calcio serie A / Milan-Udinese / foto Matteo Gribaudi/Image Sport. Nella foto: gol Roberto Pereyra

Al Napoli il derby di Salerno

Dare continuità agli ultimi risultati il Napoli lo ha fatto. Dopo il pari i rimonta contro il Milan al Maradona, il Napoli fa suo il derby dell’Arechi battendo per 2-0 la Salernitana. Decidono i gol, uno per tempo, di Raspadori ed Elmas. Quache polemica per il primo gol che nasce dalla posizione irregolare di Olivera, non rilevato dal direttore di gara. Dopo il vantaggio si fa vedere la Salernitana che però ha pagato dazio per i cronici problemi in fase offensiva della squadra di Pippo Inzaghi. A otto dalla fine, il raddoppio a firma Elmas, a chiudere i giochi e regalare a Garcia il quarto posto avendo gli azzurri scavalcato l’Atalanta, come detto sopra, battuta in casa dall’Inter.

Ci Salerno 04/11/2023 – campionato di calcio serie A / Salernitana-Napoli / foto Carmelo Imbesi/Image Sport. Nella foto: esultanza gol Giacomo Raspadori
Massimo Ciccognani

Recent Posts

San Vladimiro il Grande, ecco perchè viene chiamato “Isoapostolo”

San Vladimiro il Grande, Kiev (Ucraina), 966 ca. - Kiev, 15/07/1015 E' il figlio illegittimo…

15 Luglio 2024

Il primato della grazia nel Magistero pontificio

L'attenzione spirituale nasce dal primato della grazia. L’evangelizzazione per il Papa non ha nulla a…

15 Luglio 2024

Senza welfare non c’è politica sociale europea. La tutela necessaria

Tutela europea per i diritti sociali. Non c'è giustizia senza equità. In senso lato per…

15 Luglio 2024

Disturbo Arfid: natura, cause e soggetti coinvolti

Il rifiuto dei bambini verso alcuni cibi, oggi un fenomeno in crescita nei Paesi occidentali…

15 Luglio 2024

La ferita della democrazia difficile da rimarginare

L’orecchio ferito di Donald Trump – a un centimetro appena dalla morte e dalla seconda…

15 Luglio 2024

L’impegno per rendere il web accessibile

L'accessibilità web è un tema cruciale che va oltre l'uso dei tradizionali screen reader, includendo…

15 Luglio 2024