Sempre più insetti “alieni”: è boom di allergie Ad ora, si contano circa 50 decessi l'anno da puntura di insetto, ma i casi fatali potrebbero aumentare proprio per colpa degli insetti "migranti"

465
insetti alieni

Il clima che fa le “bizze” e temperature elevate anche fuori stagione sono alcune delle principali cause che hanno favorito il proliferare di insetti “alieni” nel nostro Paese che potrebbero rappresentare una minaccia soprattutto per i soggetti allergici.

In aumento allergie e reazioni gravi

A lanciare l’allarme sui possibili rischi che questi insetti “alieni” – provenienti soprattutto da Cina e Medio Oriente – possono causare, sono gli esperti della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaaic), in occasione del 30esimo congresso nazionale che si è svolto a Firenze. Le vespe “migranti”, secondo quanto riferito dagli esperti, hanno infatti trovato in Italia un clima perfetto per proliferare. Ma la presenza dei nuovi insetti, di conseguenza, aumenta il rischio di allergie e reazioni anche gravi.

I rischi

Gli imenotteri “stranieri”, mettono in guardia gli allergologi, accrescono notevolmente i rischi perché con l’incremento delle popolazioni di insetti non soltanto aumenta la probabilità di essere punti, ma soprattutto cresce il pericolo di sensibilizzazione a nuove specie velenifere che potrebbero anche dare reazioni crociate con le autoctone.

I numeri

Ad ora, si contano circa 50 decessi l’anno da puntura di insetto, ma i casi fatali potrebbero aumentare proprio per colpa degli insetti “migranti”. Ogni anno sono 5 milioni gli italiani punti da un’ape, vespa o calabrone e circa 400.000 i casi di reazione allergica o shock anafilattico da puntura di insetto.

La cura e la prevenzione

La cura, affermano gli esperti, è però possibile, almeno nei confronti delle specie note, e passa da una terapia semplice come la vaccinazione: il vaccino per il veleno degli imenotteri è efficace nel proteggere il 97% degli allergici, ma ad oggi soltanto un paziente su 7 lo sceglie.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS