IL 5 AGOSTO IL MIRACOLO DELLA NEVE A SANTA MARIA MAGGIORE Il Colle Esquilino fu trovato coperto di neve in piena estate e Papa Liberio vi fece costruire la basilica

1466
neve

auUna curiosa leggenda è legata all’edificazione della magnifica Basilica di Santa Maria Maggiore, una delle più importanti e note di Roma. Nel 358 d.C. la Madonna apparve in sogno a Papa Liberio chiedendogli di costruire una chiesa a lei dedicata. La mattina stessa una nevicata imbiancò proprio il luogo dove ora sorge la Basilica: era il 5 agosto. La “Madonna della Neve” – che si celebra appunto il 5 agosto in ricordo del miracolo – è infatti uno degli appellativi con cui la Chiesa cattolica venera Maria: si tratta del nome tradizionale e popolare per indicare Maria “Madre di Dio”, come sancito dal Concilio di Efeso

La leggenda è riportata nei testi di vari autori cristiani. Secondo le fonti antiche, Giovanni era un ricco patrizio che viveva a Roma. Durante la notte del 4 agosto 352 d.C. egli avrebbe visto in sogno la Vergine Maria che chiedeva di costruire una basilica nel luogo dove il mattino seguente avesse trovato della neve fresca. Giovanni, la mattina seguente, corse da papa Liberio per raccontargli quanto visto e il pontefice confessò di aver avuto la stessa visione. Si recarono sul posto indicato, il Colle Esquilino, che fu trovato coperto di neve in piena estate e, per ordine di Liberio, si fece tracciare la pianta di una grandiosa basilica esattamente dove era caduta la neve di agosto. Sempre secondo la storia, la basilica sarebbe stata finanziata dal patrizio stesso e prese il nome di basilica di Santa Maria della Neve (o Basilica Liberiana dal nome del Papa) e, popolarmente, “ad Nives”.

Oggi, il miracolo della Madonna della Neve è conosciuto in tutto il mondo ed è considerato, dai romani, uno degli eventi più rappresentativi delle nostre tradizioni. Nella Capitale il 5 agosto, nella Basilica di Santa Maria Maggiore, il miracolo viene ricordato con una pioggia di petali di rosa bianca, cadenti dall’interno della cupola durante la solenne celebrazione liturgica. All’esterno della Basilica, nella Piazza antistante, viene solitamente organizzato uno spettacolo di suoni e luci accompagnati da musica classica.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS