VIRGINIA RAGGI È IL PRIMO SINDACO DONNA DI ROMA

738
virginia raggi

Verso l’una è apparsa luminosa e decisa, emozionata ma sempre molto composta il nuovo Sindaco donna della storia di Roma Caput Mundi, Virginia Raggi. Con voce decisa ha ricordato che è pronta a governare questa complessa città diventando il sindaco di tutti i romani. Ha sottolineato il bisogno di voltare pagina per ricostruire la capitale distrutta dai suoi predecessori.

La Raggi ha voluto sottolineare la sua amarezza per i toni scomposti della campagna elettorale chiedendo di voltare pagina e quindi auspicando un nuovo approccio da parte degli altri partiti. Il neo sindaco si congeda rapidamente salutando i giornalisti ma senza rilasciare altre dichiarazioni. Nel frattempo il marito gli scrive una lettera pubblica di auguri e di sostegno e il movimento 5 stelle esulta davanti al Campidoglio.

“La prima cosa che sento di dire, che mi viene dal profondo, è che finalmente anche Roma avrà un sindaco donna”. Sono le prime parole pronunciate dalla neo eletta sindaco di Roma durante una conferenza stampa, durante la quale ha tenuto a sottolineare che “in un momento storico in cui le pari opportunità sono ancora una chimera considero questa una notizia dal valore straordinario”.

“Sarò il sindaco di tutti i romani. Lavoreremo per portare legalità e trasparenza che dopo mafia Capitale è mancata – ha aggiunto -. Hanno vinto i cittadini di Roma, i romani mi hanno affidato un compito importante. Voglio ringraziare tutti gli eletti che lavoreranno con me”.

“Sono pronta a governare, ora parte una nuova era – ha concluso la Raggi – Voglio mettere un punto su tutti i toni aspri, sui vili attacchi che ho ricevuto. Si riparte da domani e mi auguro che tutte le forze politiche abbiano il buon sensi di aprire un dialogo su problemi e soluzioni, per mettere al centro i romani. Questo è l’obiettivo che mi sono prefissa”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS