ALL’EUR PARTE LA DUE GIORNI DEGLI STATI GENERALI DELLA RICERCA SANITARIA Oggi atteso Renzi; saranno presenti 145 relatori, fra istituzioni e ricercatori

555
stati generali

Al via oggi gli Stati Generali della Ricerca Sanitaria, in programma a Roma fino a domani presso l’Auditorium del Massimo, in zona Eur. Presenti le più alte cariche istituzionali, autorità accademiche e scientifiche, ricercatori e rappresentanti dei pazienti, del mondo industriale, della finanza. L’evento intende mettere in risalto la realtà del mondo della ricerca sanitaria, dibattendo degli attuali limiti e criticità, ma anche evidenziando le potenzialità di un settore che, oltre ad un grande valore etico e sociale, costituisce, per tutto l’indotto e per le diverse realtà che interconnette, una significativa opportunità di crescita. Alla due giorni prenderanno parte 145 relatori, fra istituzioni e ricercatori e si attendono oltre 2 mila visitatori.

I lavori saranno aperti dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi; subito dopo interverranno il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini e il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina. Il wokshop proseguirà con una sessione istituzionale, per poi passare all’analisi e approfondimento degli strumenti di governance della ricerca biomedica. Seguiranno sessioni dedicate alla dimensione internazionale e alle caratteristiche della figura professionale del ricercatore biomedico. Infine, verranno presentate le novità contenute nel Bando per la Ricerca Finalizzata Ministero della Salute e nel Bando per la Ricerca indipendente Aifa per il 2016, che destinano alla ricerca 180 milioni di euro, molti dei quali andranno ai giovani. Sono inoltre previste due sessioni tematiche, una dedicata all’incontro tra scienziati e studenti per avvicinare il mondo della scienza alle nuove generazioni e la seconda dedicata all’incontro tra progetti di ricerca e venture capital.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS