RALLY DAKAR, AUTO SUGLI SPETTATORI: 10 FERITI A pochi chilometri dal traguardo, vicino alla località di Arrecifes, l’autista cinese Guo Meling – la prima donna del Paese del Dragone a partecipare alla Dakar – ha perso il controllo della propria vettura

401

Il Rally Dakar, probabilmente la gara off road più famosa al mondo, ha già procurato dei feriti ancor prima della partenza ufficiale. Il primo – e speriamo ultimo – incidente della nota corsa per moto e auto nata nel lontano 1979 con il nome di “Paris-Dakar” è avvenuto ieri a Buenos Aires, in Argentina, dove – per la prima volta nella sua storia – il celebre raid è scattato con un prologo che è servito a delineare l’ordine di partenza della prima tappa. In gara 110 auto con equipaggi di 60 paesi, 55 camion, 143 moto e anche 46 quad, un quadriciclo motorizzato.

A pochi chilometri dal traguardo, vicino alla località di Arrecifes, l’autista cinese Guo Meling – la prima donna del Paese del Dragone a partecipare alla Dakar – ha perso il controllo della propria auto, una Mini Cooper Tweet Argentina, capitombolando sugli spettatori. Un testimone oculare ha raccontato alla stazione televisiva argentina C5N che la Mini Cooper numero 360 “si è rovesciata e ha rotolato più volte” in mezzo alla folla. L’incidente, ha aggiunto l’uomo “non è avvenuto durante una curva ma in un tratto rettilineo dove le persone erano ben posizionate”.

Almeno 10 i feriti, tra i quali un bambino di 10 anni e suo padre trasportati in eliambulanza all’ospedale più vicino. Le loro condizioni sono gravi. Illesi, invece, la pilota e il suo co-pillota, rimasti sotto shock. La corsa è stata interrotta e il direttore Etienne Lavigne si è precipitato sul posto in elicottero. “Stavano vivendo una festa e tutto si è trasformato in inferno”, ha rivelato il pilota Juan Cruz Alvarez, personalmente presente sul luogo dell’incidente. “Se non ci sono morti, è un miracolo” ha prosaicamente concluso.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS