SENTENZA CHOC: RICONOSCIUTO LO STUPRO PER “SBAGLIO”

484

Arrampicarsi sugli specchi per giustificare l’ingiustificabile è un “talento” che le persone sfruttano quando devono giustificare l’ingiustificabile. E se ad avvalorare queste tesi strampalate c’è anche la sentenza di un tribunale il fatto diventa ancora più scioccante, soprattutto se ciò serve ad assolvere un reato.

Ha fatto molto discutere, infatti, la sentenza di una corte britannica, quella di Southwark Crown Court, in un processo per violenza sessuale. Un milionario saudita accusato di stupro, si è difeso dicendo di essere inciampato e aver penetrato una ragazza “per sbaglio”. Inutile dire che la notizia – riferita da un giornale online – è rimbalzata per tutto il web suscitato lo sdegno e l’incredulità di molte persone.

L’uomo di 46 anni, aveva invitato nel suo appartamento due giovani donne per una festa. La più giovane delle due, 18 anni, ha accusato l’uomo di averla stuprata. Il milionario per difendersi ha ammesso di aver avuto un rapporto sessuale con la ragazza più grande, mentre l’altra dormiva sul divano. La diciottenne ha riferito di essersi svegliata al momento della penetrazione. Il ricco saudita si è giustificato raccontando che, dopo essere inciampato su un tappetto, è caduto sulla ragazza e per errore l’ha penetrata. E la corte ha deciso per la sua assoluzione.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS