Primo piano

Superbonus, il decreto è legge: cosa cambia

La Camera approva il decreto Superbonus con 150 voti favorevoli. Una maggioranza in realtà piuttosto esigua ma comunque sufficiente per l’ennesima sterzata sulla principale agevolazione edilizia. Ecco le novità diventate legge.

Superbonus, ok al decreto

Via libera dell’Aula della Camera al decreto Superbonus. I sì sono stati 150, i no 109. Il provvedimento, che aveva già ricevuto il via libera dal Senato il 16 maggio, diventa legge.

La detrazione in 10 anni

La principale novità è che le spese per il Superbonus sostenute dal primo gennaio 2024 (ora al 70% e nel 2025 scenderà al 65%) potranno essere portate in detrazione in 10 anni anziché in 4: in ballo c’è un ammontare di detrazioni fruibili di quasi 12 miliardi tra il 2024 e il 2025. Viene allungata a 10 anni (dagli attuali 5) anche la detraibilità per il sismabonus e il bonus barriere. Quello che cambia per le banche è che dal 2025 tutti gli istituti finanziari non potranno più compensare i crediti del superbonus con debiti previdenziali, assistenziali e i premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, pena il recupero del credito con interessi e una sanzione.

Ripartizione delle quote

Inoltre, banche, assicurazioni e intermediari che hanno acquistato crediti pagandoli meno del 75% del loro valore originario, dovranno ripartire le rate in 6 quote annuali, che non potranno essere cedute o ulteriormente ripartite. Sul fronte dei bonus edilizi arriva anche la stretta sui lavori di ristrutturazione, con il bonus casa che dal 2028 al 2033 scenderà al 30%. Il bonus è stato confermato anche per quest’anno al 50%, con un tetto di spesa detraibile di 96mila euro: ma dal 2025, salvo proroghe, l’aliquota scenderà al 36%, con un tetto che dovrebbe scendere a 48mila euro.

Arriva inoltre un plafond di 400 milioni per consentire la cessione e lo sconto in fattura nelle zone colpite dai sismi del 2009 e del 2016: potrà essere usato solo per le nuove pratiche. Per il 2025 sono poi previsti un fondo da 35 milioni per gli interventi in altre zone colpite da sismi e uno da 100 milioni gli interventi degli enti del terzo settore, onlus, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale. Arriva anche il coinvolgimento dei Comuni per i controlli ai cantieri del Superbonus, con un ritorno pari al 50% delle somme riscosse. Vengono infine rinviate la sugar (al luglio 2025) e la plastic tax (al luglio 2026), che sarebbero scattate a luglio.

Fonte: Ansa

redazione

Share
Published by
redazione

Recent Posts

Lo zelo apostolico del beato Andrea Giacinto Longhin

Beato Andrea Giacinto Longhin, vescovo cappuccino, Fiumicello di Campodarsego (Padova), 23/11/1863-Treviso. Proviene da una povera…

26 Giugno 2024

Cardinale Tagle: “La missione della Chiesa è uscire”

"L’interesse per la Chiesa - afferma il cardinale Luis Antonio Gokim Tagle - si indebolisce…

26 Giugno 2024

Grassia:”Così l’Ia innova società e lavoro”

Ia 2024: l'intelligenza artificiale al centro del dibattito internazionale. Se ne sono recentemente occupati anche…

26 Giugno 2024

Musacchio: “Ogni anno individuate cento nuove droghe sintetiche”

L’offerta è sempre più ampia, in continuo aggiornamento, e le strategie di commercio e d…

26 Giugno 2024

Austria, che colpo

A Berlino è un concentrato di emozioni e gol. Il colpo lo piazza l’Austria che…

25 Giugno 2024

Caos in Kenya, assaltato il Parlamento

Da protesta pacifica a caos totale. La giornata si è infiammata presto in Kenya, dove…

25 Giugno 2024