Primo piano

Settebello beffato ai rigori: Croazia Campione del Mondo

Gioia e lacrime, quelle del Settebello che ai mondiali disputati all’Aspire Dome di Doha, ottiene la qualificazione per le Olimpiadi di Parigi, ma viene beffato nella finale per l’oro, dalla Croazia ai rigori. Applaude ma mastica amaro Sandro Campagna perché il Settebello si ferma ad un semplice passo dalla gloria. E’ amara come il fiele la finale di Doha, esattamente come quella di Budapest. L’Italia si inchina solo ai rigori, sfortunati come una partita dove gli azzurri hanno giocato alla pari con i fortissimi croati. Che forse andava gestita meglio in un convulso finale dove i nervi sono stati più importanti della braccia, con il Settebello avanti prima del sogno infranto a soli cinque secondi dalla fine con il gol di Buric a consegnare l’oro alla lotteria dei tiri dai cinque metri. Nella lotteria dei rigori, l’esaltazione dopo che il civitavecchiese della Pro Recco Marco Del Lungo ha portato avanti l’Italia parando dai cinque metri a Fatovic, prima degli errori di Echenique (traversa) e Di Fulvio che hanno consegnato il mondiale alla Croazia. Finisce 13-15 per i croati e per l’Italia sfuma il quinto titolo iridato. Rabbia e amarezza che non cancella la gioia per aver centrato l’accesso ai Giochi Olimpici di Parigi, ma la strozza resta in gola, per quel che poteva e doveva essere, e non è stato. La certezza assoluta è che questa è una grande Italia, di carattere.

Sottili fili di equilibrio

Una partita a scacchi tra Italia e Croazia (3-2, 2-3, 2-3, 4-3 i parziali), in una gara tiratissima dove nessuna delle due finaliste è mai riuscita a mettere a segno un doppio vantaggio. Si esaltano i due portieri, Marko Bijač che sbarra la strada alla giornata di grazia di Andrea Fondelli (alla fine cinque gol per lui), inchinandosi alla scioltezza con la quale Di Fulvio va per due volte a rete e chiuda la frazione sul 3-2. Identico discorso per Marco Del Lungo, confermatosi il numero uno al mondo, che ha allungato le braccia e chiuso la saracinesca, unitamente ad un muro difensivo che nonostante le tante inferiorità numeriche ha permesso all’Italia di chiudere sul 5-5 la seconda frazione. Kharkov (tripletta), e Marinic, hanno fatto la voce grossa tra i croati, ma senza che l’Italia mostrasse cedimenti. Due rigori procurati da Di Fulvio, realizzati dal recchelino e da Fondelli, spingono l’Italia, con la Croazia che affonda con Kharkov, bravo a mandare al bar la difesa azzurra e trovare  il vantaggio, con la Croazia che chiude il terzo parziali avanti 7-8 ringraziando Bijač autore di interventi che hanno salvato la porta croata. Feroce per determinazione il quarto tempo, con l’Italia che trova il pari con l’uomo in più con Marziali. Il vantaggio azzurro è una perla di Fondelli che mette dentro da posizione impossibile beffando il portiere croato. Finale all’arma bianca con l’Italia che prima va sotto (gol di Marinic), prima del nuovo pari di Condemi. La svolta a 1’52 dalla fine, quando Del Lungo chiude la strada all’attacco croato e lancia il controgioco. Condemi va già nei due metri, rigore trasformato con la solita freddezza dal glaciale Fondelli: 11-10 Italia. Fatta? Manco per idea, perché la fortuna sarà pure cieca, ma la sfida ci vede benissimo visto che a soli cinque secondi dalla fine Buric trova l’incredibile pari. Poi, la lotteria dei rigori: Del Lungo non basta, decide  Zuvela, e sull’Aspire Dome di Doha cala l’amarezza. E’ la nona medaglia mondiale conquistata dagli azzurri, la quarta d’argento. L’Italia nel corso della gara ha sofferto troppo la fisicità dei croati, sbagliando molto, troppo, con l’uomo in più (solo 5/13), ma ha avuto la forza di rimanere sempre in partita. Il gol a 5 secondi dalla fine ha gelato gli azzurri. Che escono a testa altissima. A Parigi con fiducia.

Campagna: “A Parigi per conquistare qualcosa di prestigioso”

Mastica amaro, ma guarda a Parigi con fiducia il ct azzurro Sandro Campagna, che analizza la finale ai microfoni di Rai Sport. “Non posso rimproverare nulla ai ragazzi, hanno fatto non soltanto una grandissima finale ma un mondiale strepitoso. Siamo cresciuti strada facendo, abbiamo saputo soffrire anche oggi. Forse ci è mancato qualcosina in certi momenti di qualità, di gambe. Dovevamo ridurre la loro statistica con l’uomo in più. Rimane il rammarico per aver subito il pari nei regolamentari a 4 secondi quando avevo fuori Condemi per tre falli, Velotto. Con loro in acqua l’ultima azione sarebbe stata diversa. Adesso i ragazzi stanno piangendo, ma voglio guardare avanti da subito. Il nostro 2024 non sarà ricordato per questa partita, saranno ricordate le medaglie olimpiche. La squadra c’è per conquistare qualcosa di prestigioso alle Olimpiadi”.

Massimo Ciccognani

Recent Posts

Tutela della biodiversità: sono i giovani i nuovi maestri

Difficilmente, per problemi di interesse comune, esistono soluzioni universali. C'è bisogno di sondare, magari, diverse…

22 Maggio 2024

La vita e il martirio di santa Giulia

Santa Giulia, martire, Cartagine (Tunisia), 400 ca.- Corsica (Francia), 439 ca. E' molto venerata in…

22 Maggio 2024

Allarme India: “60 mila sfollati nei campi di soccorso”

Sos India. E' sempre più profondo il divario etnico nello stato indiano del Manipur. L'India…

22 Maggio 2024

Leniterapia: continuità ospedale-territorio

Il progetto si chiama "Cure Palliative e Leniterapia: Continuità Ospedale-Territorio" ed è promosso assieme al…

22 Maggio 2024

Gaza, l’agonia dei civili: la missione è salvare vite

Trentacinquemila morti, 78mila feriti e un milione e 600mila persone (in pratica tutti gli abitanti)…

22 Maggio 2024

Declino dell’Italia: è ora di far parlare i numeri

Sono anni che si sente parlare di un declino italiano, anche se questo discorso viene…

22 Maggio 2024