Primo piano

L’Onu vota: si decide sullo status palestinese

L’Onu ha in mano il futuro della Palestina. O meglio, la sua posizione all’interno del plenum delle Nazioni Unite, al quale potrebbe accedere qualora se ne riconoscano i diritti di statualità.

L’Onu vota sulla Palestina

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite potrebbe questa sera migliorare lo status palestinese presso le Nazioni Unite, garantendogli quasi tutti i diritti di statualità all’interno del suo plenum, tranne consentirgli di votare. Lo scrive Jerusalem Post secondo cui si prevede che gli Emirati Arabi Uniti presentino una risoluzione che invita il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a garantire alla Palestina lo status di membro a pieno titolo nelle Nazioni Unite. Il testo, che probabilmente otterrà il sostegno della maggioranza, afferma che “la Palestina è qualificata per diventare membro delle Nazioni Unite in conformità con l’articolo 4 della Carta e dovrebbe pertanto essere ammessa come membro delle Nazioni Unite”.

Il contesto

L’Autorita’ Palestinese, attraverso gli Emirati Arabi Uniti, si era rivolta all’Assemblea Generale dopo che il mese scorso gli Stati Uniti avevano posto il veto alla sua richiesta di adesione al Consiglio di Sicurezza. Gli Stati Uniti sono uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con potere di veto.

La posizione emiratina

La risoluzione degli Emirati Arabi Uniti “raccomanda” che il Consiglio di Sicurezza “riconsideri favorevolmente la questione”, ma in sostanza, il suo testo cerca di aggirare il potere esclusivo del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di determinare l’adesione alle Nazioni Unite. Le risoluzioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tuttavia, non possono essere oggetto di veto, e l’Autorita’ Palestinese gode del sostegno automatico della maggioranza nell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, dove circa 140 dei suoi membri riconoscono già in modo indipendente la Palestina come Stato.

L’UNGA non ha il potere formale di garantire ai palestinesi l’adesione alle Nazioni Unite, ma può fornire loro un riconoscimento de facto che consenta di operare come stato all’interno del sistema delle Nazioni Unite.

La bozza

Nel 2012, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato con 138 voti favorevoli e 9 contrari per garantire ai palestinesi lo status di Stato osservatore non membro. Questa mossa consente loro di partecipare ai forum delle Nazioni Unite e di firmare molti dei suoi statuti e trattati, incluso lo Stato di Roma, che governa la Corte penale internazionale. Secondo l’attuale bozza della risoluzione, oggi l’Assemblea generale delle Nazioni Unite concederebbe alla Palestina il diritto di operare all’interno del suo plenum come Stato membro, concedendole quasi tutto tranne il diritto di voto, che richiederebbe l’approvazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

I principi

La risoluzione afferma “il diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione, compreso il diritto al proprio Stato indipendente di Palestina”. In pratica, lo Stato di Palestina potrebbe essere seduto tra gli stati membri e avere ampi diritti per parlare al plenum a suo nome o a nome di gruppi. I palestinesi potrebbero presentare risoluzioni, proposte ed emendamenti per proprio conto o per conto di gruppi all’interno del sistema delle Nazioni Unite. Se la risoluzione venisse approvata, i palestinesi potrebbero anche partecipare a riunioni di alto livello e conferenze internazionali, dove avrebbero diritto di voto.

Fonte: Agi

redazione

Recent Posts

Cina: proteste contro le sanzioni dell’Ue

La Cina ha protestato contro l’Unione Europea per la decisione di imporre sanzioni nei confronti…

25 Giugno 2024

Toninelli (Ispi): “Le conseguenze di un conflitto tra Libano e Israele”

Le tensioni sempre più forti tra l’esercito israeliano e Hezbollah preoccupano il mondo. Secondo l’Alto…

25 Giugno 2024

Valditara: “La scuola deve rimettere al centro la persona”

Il Ministro dell'Istruzione, Giuseppe Valditara, è intervenuto alla conferenza stampa sulla Relazione annuale al Parlamento…

25 Giugno 2024

Mantovano: “Scarsa consapevolezza di quanto fa male qualsiasi tipo di droga”

A Palazzo Chigi si è svolta la conferenza stampa sulla Relazione annule al Parlamento sul…

25 Giugno 2024

Mattarella: “Dall’Intelligenza Artificiale nuove sfide alla finanza”

Il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Paolo Savona, presidente della Consob (acronimo…

25 Giugno 2024

Vescovo Pescara: “Per i giovani serve solidarietà pedagogica”

Mons. Tommaso Valentinetti, vescovo di Pescara, ha commentato al Sir l’omicidio di un giovane 17enne…

25 Giugno 2024