Primo piano

Maltempo, ancora pioggia e perturbazioni

Ancora pioggia su tutta l’Italia, alternata a brevi periodi di cielo sereno e temperature più alte, rischio di grandinate e allerta per il maltempo in Emilia Romagna e Umbria: il maggio 2023 è anomalo, con perturbazioni che secondo i meteorologi del sito iLMeteo.it dovrebbero proseguire per i prossimi 15 giorni e un nuovo ciclone in arrivo lunedì.

L’anomalia

Più di pioggia e grandine, la vera anomalia di questo maggio è l’assenza dell’anticiclone. “La tendenza indica la possibilità di restare senza anticiclone africano almeno fino alla fine del mese”, osserva il meteorologo Mattia Gussoni, de iLMeteo.it e per lunedì “un ciclone tunisino inizierà a muoversi” verso Nord portando forti acquazzoni inizialmente in Sicilia e poi sul resto del Sud e del Centro. Si tratta di “un ciclone caratterizzato da una pressione bassissima e capace di portare estremo maltempo con nubifragi e vento di burrasca“.

“Maggio dinamico e perturbato”

Che a maggio piova non è di per sé anomalo, dice il climatologo Bernardo Gozzini, direttore del Consorzio Lamma, che riunisce Regione Toscana e Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). “In Italia i periodi più piovosi sono generalmente la tarda primavera e l’inizio dell’autunno, una situazione normale in stagioni di passaggio, con cambiamenti continui del tempo, fra passaggi perturbati e giorni soleggiati con temperature oltre la media”. Tuttavia, prosegue, “questo maggio è molto dinamico e perturbato e non si vede all’orizzonte l’anticiclone”. Non è un periodo di per sé eccezionale, “ma eventi eccezionali possono essere innescati dal contatto di masse d’aria calda e fredda“, osserva Gozzini.

Allerte

Di qui le allerta che sono già scattate, come quelle in Emilia Romagna, rossa nella pianura e collina bolognese e nella bassa collina e pianura romagnola, arancione per criticità idraulica e idrogeologica nella montagna e collina romagnola e per criticità idraulica sulla costa romagnola e nella pianura ferrarese. A Bologna continua a preoccupare il canale sotterraneo Ravone, che già nelle settimane scorse era esondato e in tutta la regione gli argini dei fiumi sono osservati speciali. In Umbria è allerta gialla per i temporali, previsti in ogni settore della regione. In Liguria, il temporale ha reso inagibile una sala operatoria a La Spezia. Temporali e grandine stanno causando, infine, danni alle colture in tutto il Paese, dal Piemonte alla Puglia, rileva la Coldiretti. Sono a rischio le coltivazioni di frutta, verdura, girasole, orzo e grano, fino agli ulivi e alle vigne del Chianti.

Fonte Ansa

redazione

Recent Posts

Beata Raffaella Ybarra da Villaonga, l’angelo custode delle giovani abbandonate

Beata Raffaella Ybarra da Villalonga, Fondatrice delle Suore degli Angeli Custodi Bilbao (Spagna), 16/01/1843 –…

23 Febbraio 2024

Padre Le sei tappe del nostro cammino quaresimale

Domenica scorsa lo Spirito Santo ci spinse con Gesù nel deserto per affrontare i “nostri…

23 Febbraio 2024

Rinascita dalle macerie della guerra. L’esempio dello sport

Ripartire dallo sport dopo la guerra. Il ministro dello Sport Andrea Abodi ha incontrato al…

23 Febbraio 2024

Carenza di acqua e cibo. Sos per l’infanzia afghana

Allarme in Afghanistan per l'infanzia malnutrita. Nel 2024 7,8 milioni di bambini non avranno abbastanza…

23 Febbraio 2024

I morti sul lavoro chiedono giustizia

I morti del cantiere di Firenze chiedono giustizia e pretendono che altri operai non muoiano…

23 Febbraio 2024

L’importanza delle religioni per costruire la pace

Nel momento di grave crisi internazionale che stiamo vivendo, l’esperienza di San Francesco, ci aiuta…

23 Febbraio 2024