Primo piano

Macron a Netanyahu: “Troppi morti a Gaza, fermatevi”

Anche il presidente francese, Emmanuel Macron, ha invitato Israele a rivedere la propria strategia militare nella Striscia di Gaza. Anzi, il capo dell’Eliseo ha dichiaratamente richiesto al premier israeliano, Benjamin Netanyahu, di sospendere l’offensiva, ritenendo “intollerabile” il bilancio dei morti da essa provocato. Il quale, addirittura, potrebbe aumentare ulteriormente vista la ferma intenzione dell’esercito di procedere con le operazioni a Rafah dove, attualmente, vivono oltre un milione di civili.

Altolà di Marcon a Netanyahu

Il bilancio dei morti a Gaza è “intollerabile”, le operazione israeliane devono “cessare”. Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron al premier israeliano Benjamin Netanyahu in una telefonata, secondo quanto riferito dall’Eliseo.

Erdogan invita al-Sisi

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha invitato ufficialmente l’omologo egiziano Abdel Fattah al-Sisi a recarsi in visita ufficiale ad Ankara in aprile. L’invito è arrivato durante una conferenza stampa congiunta tra i due leader a Il Cairo, momento che ha sancito la normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi, che da oltre un decennio avevano interrotto le relazioni diplomatiche.

“Impegno ad aumentare i contatti”

“Commercio ed economia sono motori significativi della nostra cooperazione. Abbiamo discusso del nostro interscambio economico che puntiamo a portare nel prossimo futuro a 15 miliardi di dollari”, ha affermato Erdogan durante la conferenza stampa, arrivata dopo la firma di alcuni accordi tra Ankara e Il Cairo. “L’Egitto sta facendo investimenti significativi nel settore della Difesa, credo che uniremo le nostre forze all’Egitto, svilupperemo progetti”, ha detto Erdogan, dopo che nelle scorse settimane il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan aveva annunciato che Ankara avrebbe fornito droni a Il Cairo. “La Turchia si impegna ad aumentare i suoi contatti con l’Egitto a tutti i livelli, per la pace e la stabilità nella regione”, ha aggiunto Erdogan, facendo riferimento anche alla Libia.

La prima visita

Quella di oggi è stata la prima visita in Egitto di Erdogan in 12 anni, dopo la destituzione dell’ex presidente egiziano Mohammed Morsi e l’arrivo al potere di Sisi i due Paesi hanno interrotto i rapporti diplomatici ma, grazie a un processo per la normalizzazione della relazioni avviato negli ultimi anni, i due Paesi hanno reciprocamente nominato lo scorso anno ambasciatori nei rispettivi Paesi.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

“Vi guiderà a tutta la verità” Il commento di mons. Angelo Spina

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 15,26-27; 16,12-15 https://www.youtube.com/watch?v=wYp4mRDAah8 In quel tempo, Gesù disse ai suoi…

19 Maggio 2024

San Urbano I, ecco cosa decise riguardo al sacramento della Cresima

San Urbano I, Papa e martire Roma, ?- Roma, 19/05/230. Nasce da una nobile famiglia…

19 Maggio 2024

Pentecoste: la “Pasqua delle Rose”

“Davanti agli occhi della nostra fede si apre il Cenacolo di Gerusalemme, dal quale è…

19 Maggio 2024

Sos Myanmar, cristiani sotto attacco

Allarme Myanmar. Bombardamenti aerei dell'esercito regolare birmano hanno colpito una chiesa cattolica e una chiesa…

19 Maggio 2024

“Più vita alla vita”. Staffetta Masci nelle regioni

Il Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani raccoglie l'appello papale per la difesa della vita. Mobilitazione…

19 Maggio 2024

La storia di Matteo Violani, da “angelo del fango” ad Alfiere della Repubblica

Matteo ha appena compiuto 18 anni. Il giorno del compleanno, tra i doni, riceve un…

19 Maggio 2024