Primo piano

Attacco a Rafah, no degli Usa a Israele

L’operazione militare a Rafah è ancora al centro del dibattito internazionale. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, richiama ancora una volta il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, invitandolo a vagliare soluzioni alternative. O, in caso, a garantire la sicurezza dei civili palestinesi che vivono nella zona. Israele, tuttavia, sembra intenzionata ad andare avanti, respingendo “i diktat internazionali riguardanti una soluzione permanente con i palestinesi”.

Attacco a Rafah, Biden chiama Netanyahu

Il presidente americano Joe Biden ha chiamato il premier israeliano Benjamin Netanyahu e gli ha ribadito l’opposizione degli Stati Uniti ad un attacco a Rafah “senza tutele per i civili palestinesi“. Lo ha riferito la Casa Bianca in una nota.

Biden, si legge nel comunicato Usa, “ha ribadito che l’operazione militare non può procedere senza un piano credibile ed eseguibile per garantire la sicurezza e il sostegno ai civili a Rafah“. Il presidente americano e Netanyahu hanno anche discusso dei negoziati in corso per il rilascio degli ostaggi israeliani ancora nelle mani di Hamas, aggiunge la Casa Bianca. La vicepresidente americana Kamala Harris incontrerà oggi il presidente israeliano Isaac Herzog e il primo ministro iracheno Mohammed Shia al-Sudani alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera.

La posizione israeliana

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu, scrivendo su X dopo aver parlato col presidente Usa Joe Biden e partecipato alla riunione di gabinetto, afferma che “Israele respinge apertamente i diktat internazionali riguardanti una soluzione permanente con i palestinesi. Tale accordo sarà raggiunto solo attraverso trattative dirette tra le parti, senza precondizioni”, chiarendo che “Israele continuerà a opporsi al riconoscimento unilaterale di uno Stato palestinese. Tale riconoscimento, sulla scia del massacro del 7 ottobre, darebbe un’enorme ricompensa al terrorismo senza precedenti e impedirebbe qualsiasi futuro accordo di pace”.

La barriera

Centinaia di lavoratori palestinesi provenienti dalla Cisgiordania stanno lavorando in Israele per contribuire a costruire una nuova barriera lungo il confine con la Striscia di Gaza, nonostante il Gabinetto di sicurezza israeliano gli abbia vietato di farlo: lo riferisce il sito di notizie Ynet, citando le testimonianze di soldati delle Forze di difesa israeliane (Idf) schierati nella zona. Ynet afferma che gli operai palestinesi sono impegnati in lavori di ingegneria sulle brecce della recinzione, danneggiata in decine di punti all’inizio della guerra contro Hamas. Il Ministero della Difesa israeliano ha risposto alle indiscrezioni affermando che solo quattro palestinesi stanno lavorando al progetto, specificando di assumere appaltatori “in conformità con le linee guida di sicurezza, la classificazione e la sensibilità del lavoro” e che gli operai provengono da un gruppo di lavoratori palestinesi “approvati per operare su progetti essenziali” per Israele.

Attacco a Nuseirat

Almeno 12 persone sono morte ieri in seguito a un attacco aereo israeliano sul campo profughi di Nuseirat, nel centro della Striscia di Gaza. Lo rende noto un portavoce dell’ospedale dei Martiri di Al Aqsa, citato dai media internazionali. Dieci delle vittime erano donne e bambini, specifica la fonte. L’agenzia di stampa palestinese Wafa riferisce che almeno sei persone sono morte e diverse altre sono rimaste ferite in un bombardamento israeliano che nelle prime ore di oggi ha colpito una casa nel quartiere di Al-Nasr a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

Altre due persone hanno perso la vita in un raid lanciato nella tarda serata di ieri dalle forze israeliane contro due abitazioni a est di Jabalia, nel nord dell’enclave palestinese. Nelle ore precedenti almeno tre persone erano rimaste uccise e diverse altre ferite a seguito di un altro bombardamento israeliano contro un veicolo e un gruppo di individui nella città di Gaza, sempre secondo la Wafa. Il bilancio totale delle vittime nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre è di almeno 28.663 morti e 68.395 feriti, rende noto il Ministero della Sanità palestinese gestito da Hamas.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Il Consiglio Ue approva l’AI Act: ecco cosa prevede

Il Consiglio europeo ha dato il via libero all'AI Act, la legge europea sull'intelligenza artificiale…

21 Maggio 2024

Campi Flegrei: evacuato il carcere femminile di Pozzuoli

Sono decine le scosse che si sono verificate nella zona dei Campi Flerei dalle  19.51…

21 Maggio 2024

Papa: “Cattolici in Cina: contributo reale alla convivenza sociale”

Papa Francesco, in un messaggio per il Convegno internazionale sulla Chiesa in Cina, intitolato “100…

21 Maggio 2024

Sale il prezzo del gasolio, scende la benzina

Prezzo del gasolio ancora in crescita mentre cala - dopo i rialzi delle settimane precedenti…

21 Maggio 2024

I Paesi Bassi forniranno l’Ucraina di carri armati

La guerra in Ucraina è giunta al giorno 818. Proseguono gli attacchi russi su Kharkiv,…

21 Maggio 2024

La raccolta fondi presidenziali tra Biden e Trump ha un chiaro vincitore

Joe Biden ha raccolto 51 milioni di dollari ad aprile per la campagna 2024, mentre…

21 Maggio 2024