LA VOCE DEGLI ULTIMI

Prof. Unfer: “L’importanza di illuminare l’attenzione sulla Pcos”

La Pcos, o sindrome dell’ovaio policistico, è una sindrome multifattoriale molto diffusa che colpisce una donna su dieci in tutto il mondo e comporta disordini ormonali, riproduttivi e metabolici. È una delle cause più diffuse di infertilità femminile ed è precursore di altre gravi condizioni, tra cui obesità, diabete di tipo 2 e altre malattie cardiovascolari.

Il mese della consapevolezza

Il mese della consapevolezza sulla Pcos ricorre a settembre ed è stato istituito nel 2018 con lo scopo di promuovere in tutto il mondo una maggiore consapevolezza su quelle che sono le problematiche legate alla stessa e sostenere le molte donne affette da questa patologia. In questo mese, in ogni parte del mondo, gli edifici si illuminano di colore verde per portare l’attenzione su questa patologia. A Roma, all’inizio di questo periodo di sensibilizzazione, il primo settembre, è stato illuminato di verde il Colosseo. Interris.it, su questa sindrome e sulla sua cura, ha intervistato il professor Vittorio Unfer, Membro EGOI e Professore di Ginecologia e Ostetricia alla UniCamillus International Medical University di Roma.

Foto di Darko Stojanovic da Pixabay

L’intervista al prof. Vittorio Unfer

Professore, settembre è il mese della prevenzione della sindrome dell’ovaio policistico. Quali sono i sintomi di questa condizione? In che modo si può curare o prevenire?

“Settembre è il mese della consapevolezza sulla sindrome dell’ovaio policistico. In tutto il mondo si illumina l’attenzione su questa patologia che, spesso, è misconosciuta o riconosciuta con grande ritardo. Tale condizione interessa dal 7% al 15% delle donne in età fertile ed ha una predisposizione genetica su cui i fattori esterni possono agire determinando la malattia. Questi ultimi sono controllabili e prevalentemente legati a uno stile di vita sedentario, come la cattiva alimentazione, abbondante, ipercalorica e ricca di zuccheri. Occorre fare molta attenzione quando si parla di terapia perché, il primo step terapeutico, è proprio il cercare di cambiare le abitudini di vita, ad esempio attraverso l’attività sportiva prevalentemente aerobica e mutare le abitudini alimentari. Ciò non è facile perché spesso, è la famiglia che ha determinate abitudini quindi, portare al dimagrimento, non è semplice e, a volte, è più difficile mantenere l’obiettivo di peso raggiunto. Basti un dato: oltre il 95% delle persone che perdono peso, lo recuperano nel corso dei primi due anni post dieta. La diagnosi è complessa perché, la sindrome dell’ovaio policistico, si può manifestare con sintomi e segni molto diversi tra di loro che possono interessare prevalentemente la cute quindi, magari, la paziente si rivolge al dermatologo perché presenta acne, un eccesso di peluria e alopecia androgenetica. Non bisogna sminuire questi segni perché, in una donna, i capelli sono molto importanti. Tra gli altri sintomi ci sono l’amenorrea o l’oligomenorrea. Questi disturbi, chiaramente più di competenza ginecologica, nascondono l’assenza dell’ovulazione e, di conseguenza, l’infertilità della paziente. Questa sindrome è la prima causa di infertilità e sterilità nella donna proprio perché non vi è l’ovulazione. È importante fare diagnosi accurate. Attualmente si fa riferimento ai criteri di Rotterdam, che sono decisamente obsoleti, perché risalgono al 2003 ma, facendo ancora riferimento a questi, si divide la sindrome in quattro grandi famiglie dove, a seconda dei sintomi, possiamo definirla in a, b, c, o d. Attualmente, la scienza, ci sta guidando verso un nuovo tipo di classificazione basata sulla sua fisiopatologia e, da lì, il razionale terapeutico. Sulla base di questo, vi è la necessità assoluta, come i miei collaboratori ed io stiamo già facendo, di riclassificare la politicistosi ovarica, non solo per un discorso prettamente didattico, ma perché dalla buona classificazione, emerge il razionale terapeutico.”

Qual è il valore della ricerca per la cura e la prevenzione di questa patologia?

“Il valore della ricerca è fondamentale. Voglio ringraziare la sensibilità del ministro della Salute, il professor Schillaci, che ha voluto essere presente alla nostra conferenza stampa che si è svolta il 1° settembre ed ha toccato con grande sensibilità questo argomento. Un po’ di anni fa è nata un’associazione scientifica che si chiama ‘EGOI’, la quale riunisce 46 esperti mondiali sul trattamento della politicistosi ovarica. Ha preso avvio dal momento del Covid – 19 e, dalla necessità di comunicare attraverso gli strumenti informatici. Ciò ci ha consentito di trovarci, confrontarci, capire i livelli della nostra ricerca e di lavorare insieme. Unire specializzazioni diverse, come succede nel gruppo ‘EGOI’, è fondamentale e ci consente di vedere questa patologia a 360 gradi nella sua complessità e varietà di sintomi da una paziente all’altra. In questo la ricerca ha un valore fondamentale e speriamo di poter avere aiuti e supporti per poter proseguire in tal senso.”

Christian Cabello

Recent Posts

Valencia: le torri andate a fuoco per il poliuretano

In Spagna un incendio si è sviluppato al quinto piano di un edificio di nuova…

23 Febbraio 2024

Netanyahu annuncia la chiusura dell’Unrwa nel post guerra a Gaza

La guerra in Medioriente tra Israele e Hamas giunge al giorno 140. Il premier Netanyahu…

23 Febbraio 2024

Odysseus si è posato sulla Luna: è il primo lander privato a farlo

Odysseus, dell'azienda texana Intuitive Machine, è primo lander privato ad essersi posato sulla Luna nella…

23 Febbraio 2024

Da Fmi 880 milioni di dollari di aiuti per l’Ucraina

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) erogherà 880 milioni di dollari all'Ucraina per sostenere Kiev nei…

23 Febbraio 2024

Beata Raffaella Ybarra da Villaonga, l’angelo custode delle giovani abbandonate

Beata Raffaella Ybarra da Villalonga, Fondatrice delle Suore degli Angeli Custodi Bilbao (Spagna), 16/01/1843 –…

23 Febbraio 2024

Le sei tappe del nostro cammino quaresimale

Domenica scorsa lo Spirito Santo ci spinse con Gesù nel deserto per affrontare i “nostri…

23 Febbraio 2024