LA VOCE DEGLI ULTIMI

“Restare in patria è responsabilità di tutti”. Appello di monsignor Bayemi Matjei

Va garantito il diritto a non emigrare.  Liberi di scegliere se migrare o restare. Secondo papa Francesco assicurare libertà di scelta se emigrare o restare è responsabilità di tutti. Un obiettivo lontano, ma possibile “se sapremo lavorare per ottenerlo. Senza più egoismi. Mettendo al centro di ogni processo di sviluppo la promozione di ogni uomo e la cura della casa comune“. Afferma il Pontefice: “Il percorso sinodale che, come Chiesa, abbiamo intrapreso, ci porta a vedere nelle persone più vulnerabili (e tra questi migranti e rifugiati) dei compagni di viaggio speciali. Da amare e curare come fratelli e sorelle. Solo camminando insieme potremo andare lontano e raggiungere la meta comune del nostro viaggio“. Oggi emigrare non è una libera scelta, ma l’unica scelta. Ad ogni essere umano, invece, va innanzitutto assicurato “un diritto non ancora codificato, ma di fondamentale importanza“. Quello “a non emigrare, ossia la possibilità di vivere in pace e con dignità nella propria terra”. Sapendo che “le risorse mondiali non sono illimitate. E lo sviluppo dei Paesi economicamente più poveri dipende dalla capacità di condivisione che si riesce a generare tra tutti i Paesi“.

Il Papa con una donna migrante e sua figlia (Fonte: Vatican News)

Diritto a non emigrare

A rilanciare l’appello del Papa a garantire il diritto a non emigrare è monsignor Sosthène Léopold Bayemi Matjei. Il vescovo di Obala, in Camerun, attraverso la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), ha affrontato il problema dell’emigrazione dal suo Paese. Obala è una diocesi rurale con circa 800.000 abitanti. Più della metà dei quali cattolici. “Non solo i cristiani ma tutti gli abitanti del Camerun preferiscono rimanere nella loro patria. Esaminando i dati dell’emigrazione verso l’Europa, da circa 20 anni si registra una crescita dei camerunesi che emigrano verso Francia e Italia. A causa del peggioramento della situazione socio-politica interna. Ad esempio, un medico in Camerun percepisce circa 350 euro al mese. Con uno stipendio così basso – racconta il prelato – non riesce a vivere. L’imprenditoria non si sviluppa. Perché non c’è accesso dignitoso alle risorse economiche. Le nostre banche, che sono tutte francesi o inglesi, applicano tassi di interesse per i prestiti che arrivano al 10-12%. La nostra moneta, il franco Cfa, è controllata dalla Francia. Ciò accade in Camerun e in altri 13 Paesi africani. E abbiamo l’obbligo di destinare metà delle nostre risorse alla Banca di Francia“.

Instabilità

Spiega il vescovo di Obala: “I ragazzi vorrebbero rimanere a casa. Ma sono costretti a emigrare. Da 6 anni viviamo una situazione di instabilità a causa di Boko Haram. E a causa degli scontri tra anglofoni e francofoni che utilizzano le risorse economiche per sovvenzionare le loro guerre. E non per creare e favorire lo sviluppo professionale, le infrastrutture e le strutture necessarie al nostro Paese. La situazione è complicata e aggravata dalla corruzione. Assistiamo a una corsa al potere e temiamo un colpo di Stato”. Un altro fattore determinante è rappresentato dal cambiamento climatico. Prosegue il vescovo: “Nella nostra regione solitamente arrivavano le piogge nel periodo di Ferragosto. Ma da 4 anni questo non accade più. E ci è capitato di restare senza acqua fino a fine settembre. Ciò ha danneggiato i terreni arabili. Gli artigiani non hanno sbocchi lavorativi. Inoltre la formazione professionale non è completata per mancanza di risorse. Altro tema importante è la tecnologia. In occidente c’è una capacità tecnologica elevata che non viene trasferita nei Paesi africani. Abbiamo le risorse umane per rispondere alle necessità di lavoro industriale se vengono fatti i giusti investimenti“.

Conflitto

Di fronte a un’Europa perennemente alle prese con la gestione dell’emergenza immigrazione monsignor Bayemi Matjei sottolinea che è fondamentale la prevenzione. “Il Camerun prima del conflitto tra anglofoni e francofoni e prima delle violenze di Boko Haram era un’isola di pace. Anche se intorno al nostro Paese c’erano Stati con gravi problemi come Ciad, Nigeria, Repubblica del Congo, Repubblica Centrafricana– sostiene il presule africano-. Eravamo consapevoli che sarebbero arrivati migranti da queste terre. Ma non siamo stati preparati ad accoglierli. Ci vuole un cambiamento completo. E per farlo bisogna partire dalla gestione dell’emergenza. Con lo scopo di creare un futuro, dare una speranza. È giusto prevedere i flussi e regolamentarli con i mezzi di controllo statale ma è meglio dare la possibilità di rimanere in patria“.

Lotta alla povertà

Monsignor Bayemi Matjei descrive poi i limiti delle attuali politiche per lo sviluppo. “Sono vescovo da 13 anni. E sono molto impegnato nello sviluppo. Ho incontrato esponenti del Fondo Monetario Internazionale. Ho chiesto loro di confrontarsi non solo con i governi. Ma anche con coloro che vivono condizioni problematiche e dovrebbero ricevere gli aiuti. Molti contributi vengono usati male. Perché manca il confronto diretto, questo genera una paralisi. Gli interventi devono riguardare l’intera filiera produttiva. Ad esempio, la Danimarca anni fa ha iniziato un progetto per la creazione di pozzi d’acqua. Hanno costruito le infrastrutture nei villaggi. Collegando acquedotti ai fiumi. Ma non hanno fatto formazione locale. Hanno lasciato l’infrastruttura ma non ci hanno insegnato a gestire la manutenzione. E ci siamo ritrovati senza assistenza tecnica. E a dover coprire i costi del carburante per far funzionare le macchine“.

Investimenti e solidarietà

Quanto alle concrete iniziative assunte dalla diocesi, il prelato riferisce di aver sviluppato uno specifico piano pastorale. “Ho costruito una scuola agraria per formare i ragazzi dopo la maturità. Ma dopo la formazione, che dura 3 anni, è necessario l’inserimento nel mondo del lavoro. Stiamo creando cooperative per formare ragazzi e donne. Alcune di esse si sono associate. Hanno unito le capacità economiche. E fanno investimenti in autonomia in modo da incrementare la produzione“. Monsignor Bayemi Matjei conclude con un appello rivolto ai cattolici europei e in particolare ai benefattori di ACS. “Conosco i progetti di Aiuto alla Chiesa che Soffre e la loro grande importanza. ACS fa un bel lavoro, i sostenitori devono avere fiducia. Sono importanti i progetti pastoraliì. Così come quelli per l’autosviluppo volti a formare i ragazzi e accompagnarli nel contesto lavorativo. Continuate a sostenerci. Ma creiamo ricchezza in Africa. Aiutandoci a plasmare, anche tramite progetti pastorali, la giusta mentalità. Non è semplice ma è importante”.

 

 

 

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Ponte del 25 Aprile: traffico da bollino rosso

In vista del ponte del 25 Aprile, la circolazione sulle strade italiane, si prospetta da…

24 Aprile 2024

Smolensk: attaccati due depositi petroliferi russi

A Smolensk, i servizi speciali ucraini, hanno colpito due depositi petroliferi dove erano stoccati 26…

24 Aprile 2024

Card. Pizzaballa: “Ineluttabile la soluzione dei Due Stati”

Il patriarca latino di Gerusalemme, card. Pierbattista Pizzaballa, ha descritto la situazione in Terra Santa…

24 Aprile 2024

In aumento gli attacchi di hacker filorussi all’Italia

  Italia sotto attacco degli hacker filorussi e, in un caso, filopalestinesi. Lo si evince…

24 Aprile 2024

Atene si tinge di arancione: i motivi

Un'Atene insolitamente arancione ha accolto turisti e cittadini presi alla sprovvista. La capitale greca e…

24 Aprile 2024

Papa: “La superbia è un veleno potente”

"La superbia è un veleno potente: ne basta una goccia per guastare tutta una vita…

24 Aprile 2024