Intervento

Ecco perché è importante tutelare il nostro pianeta

La Giornata della Terra, in inglese Earth Day, è stata istituita dalle Nazioni Unite. A partire dal 1970, viene celebrata ogni anno con lo scopo di tutelare il nostro pianeta, le sue risorse naturali e le specie che lo abitano. Tale giornata, inoltre, si pone l’obiettivo di educare ed informare la cittadinanza in merito alle problematiche che affliggono quella che, Papa Francesco, in maniera molto significativa, ha definito la nostra “Casa comune”. Mi riferisco in particolare ai cambiamenti climatici, all’eccessivo depauperamento della natura e delle sue ricchezze inestimabili che, a lungo andare, sta causando l’esaurimento di elementi non rinnovabile e la scomparsa di migliaia di piante e animali.

Il tema scelto nel 2024 per l’Earth Day, significativamente intitolato “Pianeta vs. Plastica”, intende sensibilizzare le persone in merito all’impatto ambientale della plastica ha raggiunto livelli molto preoccupanti tanto che, lo slogan di quest’anno, ovvero “60 x 40”, indica la volontà di ridurre la produzione di plastica del 60% entro il prossimo 2040. A tal proposito, occorre ricordare che, la produzione eccessiva di quest’ultimo elemento e le sostanze chimiche rilasciate dalla sua decomposizione, provocano conseguente nefaste al pianeta, alla salute umana e alle specie animali.

È quindi necessario che, nel momento storico che stiamo vivendo, questa giornata, possa essere un momento di confronto per dare inizio a un cambio di paradigma che limiti sensibilmente l’utilizzo di plastica e, di conseguenza, preservi maggiormente la salute della Terra. Serve però l’impegno di tutti noi: se ogni cosa rimarrà così, le ultime statistiche ci dicono che, nel 2050, gli oceani e i mari saranno distrutti in quanto ci sarà più plastica che specie ittiche. Il nostro dovere, senza se e senza ma, è quello di scongiurare questo scenario catastrofico, trasmettendo alle giovani generazioni il valore della sostenibilità ambientale per difendere nel migliore nei modi la nostra “Casa comune”. Lo dobbiamo ai nostri figli.

Nicola Tavoletta

Recent Posts

Recuperate a Gaza le salme di 3 ostaggi: si pensava fossero vivi

La guerra in Medioriente tra Israele e Hamas giunge al giorno 231. L'Idf ha recuperato…

24 Maggio 2024

G7 Finanze, Giorgetti: “L’AI cambierà gli equilibri mondiali”

Al via il G7 Finanze di Stresa, sulle rive del Lago Maggiore. A partecipare al…

24 Maggio 2024

Gaza: la Corte dell’Aja si riunisce su richiesta del Sudafrica

A poche ore dalla decisione della Corte di giustizia internazionale dell'Aja sulla guerra a Gaza,…

24 Maggio 2024

L’Estonia dona 650 mila euro all’Ucraina per gli aiuti umanitari

L'Estonia stanzierà oltre 650.000 euro in aiuti umanitari all'Ucraina, principalmente per sostenere il sistema educativo…

24 Maggio 2024

Maiorca: crolla il primo piano del ristorante, tra le vittime l’eroe Diop

Tragedia a Maiorca dove un terrazzo di un ristorante è crollato sfondando il solaio del…

24 Maggio 2024

San Simeone Stilita il giovane, una vita in continua unione con il Signore

San Simeone Stilita il giovane, Sacerdote e anacoreta Antiochia (Turchia), 521 ca. - Monte Mirabile…

24 Maggio 2024