Glocal News

Tragedia nel Mediterraneo: Ong soccorre 25 migranti, 60 i morti

Nel Mediterraneo centrale, la nave Ocean Viking di Sos Mediterranee ha soccorso 25 migranti sopravvissuti su un gommone partito dalla Libia. I sopravvissuti, provenienti da Zawiya, sono stati alla deriva per 7 giorni dopo che il motore del gommone si è guastato a 3 giorni dalla partenza, lasciandoli senza acqua e cibo. Raccontano che almeno 60 persone, inclusi donne e un bambino, sono morte durante il viaggio.

Ocean Viking soccorre 25 migranti, almeno 60 i morti

Sarebbero almeno 60 i migranti morti su un gommone partito dalla Libia e diretto in Italia. È quanto hanno raccontato i 25 sopravvissuti all’equipaggio della Ocean Viking, la nave di Sos Mediterranee, che ieri li ha soccorsi nel Mediterraneo centrale. “I sopravvissuti sono partiti da Zawiya, in Libia, 7 giorni prima di essere salvati – scrive la Ong in un tweet – Il motore si è rotto dopo 3 giorni, lasciando la barca alla deriva senza acqua e cibo. I sopravvissuti dicono che almeno 60 persone sono morte durante il viaggio, tra cui donne e almeno un bambino”. Due dei 25 sopravvissuti soccorsi dalla Ocean Viking sono stati evacuati dalla Guardia Costiera italiana nel corso della notte e trasportati in ospedale in Sicilia : i due, secondo quanto afferma Sos Mediterranee, sono svenuti a bordo della nave e il personale medico a bordo non è riuscito a rianimarli. E’ così scattata la procedura di evacuazione medica da parte della Guardia Costiera.

Migranti: ancora sbarchi a Lampedusa, arrivati 217

Altri 217 migranti, soccorsi dalla motovedetta della Capitaneria e dal pattugliatore della guardia di finanza, sono sbarcati a Lampedusa dove, durante la notte, erano già arrivati in 107. Un primo gruppo, composto da 45 tunisini e siriani, compresi sei minorenni e quattro donne, è stato agganciato mentre navigava su un natante di 8 metri dopo essere partiti da Chebba, in Tunisia. Il secondo, con 45 persone a bordo, tra bengalesi, pakistani, eritrei e sudanesi, è partito invece da Zuara in Libia. Stesso punto di partenza dal quale hanno iniziato il viaggio altri 127 migranti, compresi due minorenni e tre donne, che hanno dichiarato di essere sudanesi, marocchini, bengalesi, pakistani, siriani, egiziani e indiani. Anche loro sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola che adesso ospita 324 persone.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Toninelli (Ispi): “Le conseguenze di un conflitto tra Libano e Israele”

Le tensioni sempre più forti tra l’esercito israeliano e Hezbollah preoccupano il mondo. Secondo l’Alto…

25 Giugno 2024

Valditara: “La scuola deve rimettere al centro la persona”

Il Ministro dell'Istruzione, Giuseppe Valditara, è intervenuto alla conferenza stampa sulla Relazione annuale al Parlamento…

25 Giugno 2024

Mantovano: “Scarsa consapevolezza di quanto fa male qualsiasi tipo di droga”

A Palazzo Chigi si è svolta la conferenza stampa sulla Relazione annule al Parlamento sul…

25 Giugno 2024

Mattarella: “Dall’Intelligenza Artificiale nuove sfide alla finanza”

Il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Paolo Savona, presidente della Consob (acronimo…

25 Giugno 2024

Vescovo Pescara: “Per i giovani serve solidarietà pedagogica”

Mons. Tommaso Valentinetti, vescovo di Pescara, ha commentato al Sir l’omicidio di un giovane 17enne…

25 Giugno 2024

Xi a Duda: “Portare relazioni Cina-Polonia a un livello più alto”

Il presidente cinese Xi Jinping ha incontrato l'omologo polacco Andrzej Duda, in visita di stato…

25 Giugno 2024