Glocal News

Atene si tinge di arancione: i motivi

Un’Atene insolitamente arancione ha accolto turisti e cittadini presi alla sprovvista. La capitale greca e diverse regioni del Paese sono state ricoperte da uno spesso strato di polvere del Sahara che ha “tinto” l’aria, strade e monumento di arancione donando un’atmosfera quasi marziana. “Atene si è trasformata nel pianeta di Marte” è infatti uno dei tanti commenti che si leggono sui social.

Atene si tinge di arancione per tempesta di sabbia del Sahara

“Atene si è trasformata nel pianeta di Marte” e “tra poco sul Partenone spunteranno i dromedari”: sono questi alcuni dei commenti che spopolano sui social greci, da quando nel pomeriggio di ieri la capitale e diverse regioni del Paese sono state ricoperte da uno spesso strato di polvere del Sahara, a seguito di uno dei peggiori episodi di questo genere che hanno interessato il Paese dal 2018. Dalle colonne di marmo del Partenone, all’antica agorà romana, i principali monumenti della capitale sono stati inghiottiti dalla polvere africana portata dai venti che soffiavano da sud, mentre l’intera città veniva avvolta da una foschia arancione che ha ricordato a molti abitanti scenari dal sapore apocalittico.

I più curiosi sono rimasti affacciati ai balconi a osservare il cielo sparire sotto uno spesso strato arancione di sabbia, mentre gli abitanti più cauti si sono barricati in casa seguendo le raccomandazioni degli pneumologi trasmesse dalle televisioni.

I pericoli per la salute

Le concentrazioni di sabbia nell’aria, infatti, da un lato riducono la luce del sole e la visibilità, e dall’altra contribuiscono a aumentare il livello delle particelle inquinanti, comportando rischi per la salute delle persone più vulnerabili e affette da malattie respiratorie. “Si tratta di un fenomeno particolare, dovuto alle concentrazioni di polvere africana e alle particolari condizioni climatiche che hanno prevalso sull’Attica: i venti meridionali che trasportavano la polvere africana si sono incontrati con correnti più fredde provenienti da nord, facendo sì che la polvere salisse con l’aria calda a altezze maggiori, fino a due chilometri, e vi rimanesse. Sulle particelle di polvere si sono riflessi i raggi solari che hanno restituito questa tonalità rossa”, ha spiegato a Kathimerini Nikos Michalopoulos, direttore della ricerca dell’Osservatorio nazionale di Atene. La Grecia era già stata avvolta da nubi di polvere del Sahara alla fine dello scorso marzo e all’inizio di aprile. Il fenomeno iniziato ieri ha iniziato a diradarsi oggi: secondo le previsioni metereologiche, i venti stanno ora spingendo la polvere africana a est.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Mattarella: “La salvaguardia del pianeta è la sfida principale dell’umanità”

Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, in occasione dell’incontro con la Federazione Italiana Sport Invernali,…

24 Maggio 2024

Potenziato il monitoraggio sottomarino della caldera

Potenziato il monitoraggio sottomarino della caldera dei Campi Flegrei, da settimane in piena attività con…

24 Maggio 2024

Cei: “L’autonomia rischia di accentuare gli squilibri dei territori”

La Cei si dice preoccupata del fatto che il nuovo progetto di legge per l'autonomia…

24 Maggio 2024

Recuperate a Gaza le salme di 3 ostaggi: si pensava fossero vivi

La guerra in Medioriente tra Israele e Hamas giunge al giorno 231. L'Idf ha recuperato…

24 Maggio 2024

G7 Finanze, Giorgetti: “L’AI cambierà gli equilibri mondiali”

Al via il G7 Finanze di Stresa, sulle rive del Lago Maggiore. A partecipare al…

24 Maggio 2024

Gaza: la Corte dell’Aja si riunisce su richiesta del Sudafrica

A poche ore dalla decisione della Corte di giustizia internazionale dell'Aja sulla guerra a Gaza,…

24 Maggio 2024