Chiesa Cattolica

Il Papa: “La vera gloria non è quella mondana: è dono e perdono”

“Com’è possibile che la gloria di Dio si manifesti proprio sulla Croce?”. È l’interrogativo che anima la riflessione di Papa Francesco nell’Angelus domenicale e, al contempo, la vita di ogni cristiano. Gesù stesso, nel Vangelo, dice che “sulla Croce vedremo la gloria sua e del Padre”. Il pensiero, come spiegato dal Santo Padre, tenderebbe a pensare che “ciò avvenga nella Risurrezione, non sulla Croce, che è una sconfitta, un fallimento! Invece oggi Gesù, parlando della sua Passione, dice: ‘È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato’. Cosa vuole dirci?”. Il senso delle sue parole è che “la gloria, per Dio, non corrisponde al successo umano, alla fama o alla popolarità; la gloria, per Dio, non ha nulla di autoreferenziale, non è una manifestazione grandiosa di potenza cui seguono gli applausi del pubblico”.

La gloria della Croce

Per Dio, ha spiegato il Papa, “la gloria è amare fino a dare la vita”. E glorificarsi, per Lui, “vuol dire donarsi, rendersi accessibile, offrire il suo amore”. Una manifestazione avuta proprio con la Croce, dove “Gesù ha dispiegato al massimo l’amore di Dio, rivelandone pienamente il volto di misericordia, donandoci la vita e perdonando i suoi crocifissori”. La Croce, come “cattedra di Dio”, mostra il Signore insegnarci la gloria autentica, quella che “non tramonta mai e rende felici” e che “è fatta di dono e perdono”. Aspetti che si pongono come l’essenza stessa della gloria di Dio e, al contempo, “via della vita” per noi.

La gloria autentica

Dono e perdono, appaiono “criteri molto diversi da ciò che vediamo attorno a noi, e anche in noi, quando pensiamo alla gloria come a qualcosa da ricevere più che da dare; come qualcosa da possedere anziché da offrire”. La gloria mondana, infatti, è fuggevole e non lascia nel cuore quella autentica. Inoltre, anziché offrire del bene, porta “alla divisione, alla discordia, all’invidia“. Per questo, il vero interrogativo sta nel chiederci se la gloria di cui siamo alla ricerca sia “quella di impressionare gli altri per la mia bravura” oppure “la via del dono e del perdono, quella di Gesù Crocifisso, la via di chi non si stanca di amare, fiducioso che ciò testimonia Dio nel mondo”.

Damiano Mattana

Recent Posts

Antonio da Padova, il santo di tutti

Parlare di Antonio di Padova, uno dei santi più venerati della Chiesa, significa ricordare la…

13 Giugno 2024

Sant’Eliseo: ecco cosa significa il suo nome

Sant'Eliseo, profeta dell'Antico Testamento, S. ELISEO Profeta dell'Antico Testamento Palestina, ?- Samaria (Palestina), 790 a.C.…

13 Giugno 2024

Ue-Africa: le politiche migratorie dopo il voto europeo

Un ponte tra Ue e Africa dopo le elezioni europee. Oltre alla guerra scatenata dalla…

13 Giugno 2024

Iraq, la diaspora dei cristiani

In Iraq più del 90 per cento dei cristiani fuggiti da Mosul non pensa di…

13 Giugno 2024

La grande sfida del G7: usare l’intelligenza (umana)

La questione del finanziamento della resistenza ucraina all’invasione russa con i beni del Cremlino all’estero…

13 Giugno 2024

Siccità in Italia: è già emergenza

"Al momento abbiamo una severità idrica alta per quanto riguarda la Sicilia, che è la regione del…

13 Giugno 2024