Chiesa Cattolica

Il Papa: “La guerra è inutile, le popolazioni sono sfinite”

Dal Sudan al Medio Oriente, fino all’Ucraina e al Mozambico. Le zone di conflitto aumentano, le violenze allargano il loro raggio, i civili inermi ne subiscono lo scotto. Il tutto in un mondo che da tempo ha fatto il proprio ingresso nel terzo decennio del Duemila, trascinando con sé una spirale d’odio e inconciliabilità tra popoli. Lo ricorda Papa Francesco, dalla finestra che affaccia su Piazza San Pietro, al termine della recita dell’Angelus. I dieci mesi trascorsi dallo scoppio del conflitto armato in Sudan, “che ha provocato una gravissima situazione umanitaria”, ma anche “la violenza contro popolazioni inermi, la distruzione di infrastrutture e l’insicurezza dilagano nuovamente nella provincia di Cabo Delgado, in Mozambico”. E, chiaramente, “la Palestina, l’Ucraina”… Il Santo Padre ribadisce, ancora una volta, che “la guerra è una sconfitta, sempre. Ovunque si combatte le popolazioni sono sfinite, sono stanche della guerra, che come sempre è inutile e inconcludente, e porterà solo morte, solo distruzione, e non porterà mai la soluzione dei problemi”.

L’Angelus del Papa

Spesso, le guerre scoppiano per potere. La cui tentazione, fin troppo spesso, bussa al cuore dell’uomo. E anche il Vangelo odierno narra delle tentazioni, quelle che Gesù affrontò nei suoi quaranta giorni nel deserto. Un passaggio particolarmente significativo in tempo di Quaresima, durante il quale “siamo invitati a ‘entrare nel deserto’, cioè nel silenzio, nel mondo interiore, in ascolto del cuore, in contatto con la verità”. E, come per Gesù, simbolicamente la nostra compagnia è costituita da “bestie selvatiche e angeli”, perché “quando entriamo nel deserto interiore” è quanto è possibile incontrare.

Le bestie selvatiche

Le bestie selvatiche, simbolo di ciò che mette in crisi la nostra vita spirituale. “Possiamo pensarle – ha spiegato Papa Francesco – come le passioni disordinate che dividono il cuore, tentando di possederlo. Ci suggestionano, sembrano seducenti ma, se non stiamo attenti, rischiano di sbranarci. Possiamo dare dei nomi a queste ‘bestie’ dell’anima: i vari vizi, la bramosia della ricchezza, che imprigiona nel calcolo e nell’insoddisfazione, la vanità del piacere, che condanna all’inquietudine e alla solitudine, e ancora l’avidità della fama, che genera insicurezza e un continuo bisogno di conferme e di protagonismo”.

Il sapore del Cielo

Nel deserto, tuttavia, c’erano anche gli angeli. I messaggeri di Dio, la cui caratteristica è il servizio, ossia “esattamente il contrario del possesso“. Gli spiriti angelici, infatti, “richiamano i pensieri e i sentimenti buoni suggeriti dallo Spirito Santo. Mentre le tentazioni ci dilaniano, le buone ispirazioni divine ci unificano e ci fanno entrare nell’armonia: acquietano il cuore, infondono il gusto di Cristo, ‘il sapore del Cielo'”.

Damiano Mattana

Recent Posts

Israele punta a Rafah: “Pronti a entrare”

Israele è pronto a entrare a Rafah via terra. L'annuncio è arrivato da fonti vicine…

24 Aprile 2024

Medicina, stop (parziale) al numero chiuso: scatta la protesta

Un semestre di iscrizioni libere alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria,…

24 Aprile 2024

Ponte del 25 Aprile: traffico da bollino rosso

In vista del ponte del 25 Aprile, la circolazione sulle strade italiane, si prospetta da…

24 Aprile 2024

Smolensk: attaccati due depositi petroliferi russi

A Smolensk, i servizi speciali ucraini, hanno colpito due depositi petroliferi dove erano stoccati 26…

24 Aprile 2024

Card. Pizzaballa: “Ineluttabile la soluzione dei Due Stati”

Il patriarca latino di Gerusalemme, card. Pierbattista Pizzaballa, ha descritto la situazione in Terra Santa…

24 Aprile 2024

In aumento gli attacchi di hacker filorussi all’Italia

  Italia sotto attacco degli hacker filorussi e, in un caso, filopalestinesi. Lo si evince…

24 Aprile 2024