Chiesa Cattolica

Ecuador: il no dei vescovi all’apertura all’eutanasia

I vescovi dell’Ecuador dicono “no” alla possibilità del Governo di provvedere a un regolamento per applicare l’eutanasia nel Paese latinoamericano, segnato da oltre un mese da violenti scontri tra polizia e gruppi criminali.

Sono infatti già più di 7.200 gli arresti effettuati in Ecuador nei primi 30 giorni dalla dichiarazione del presidente Noboa di un “conflitto armato interno” contro la criminalità organizzata. Ora la spaccatura tra Chiesa locale e governo sul tema della tutela della vita.

Il regolamento che potrebbe aprire all’eutanasia attiva e passiva

Il Ministero della Salute pubblica dell’Ecuador ha annunciato che il Governo sta provvedendo a un regolamento per applicare l’eutanasia nel Paese. Una decisione che arriva in seguito ad una recente sentenza nella quale la Corte Costituzionale ha emesso una sentenza che legalizza “una morte dignitosa”, come è stata definita, per i pazienti con malattie incurabili che causano grandi sofferenze. L’Ecuador è il secondo Stato del Sudamerica a depenalizzare l’eutanasia, dopo la Colombia.

La sentenza e il no dei vescovi all’eutanasia

Il provvedimento, segnala l’agenzia Efe, sarà pronto entro due mesi e seguirà “le linee guida legali” del Paese, secondo il ministero. La Corte Costituzionale, nella sua sentenza, ha accettato la causa di Paola Roldán, una donna di 42 anni affetta da sclerosi laterale amiotrofica (Sla). E ha ordinato all’Ufficio del Difensore civico di preparare una legge che regoli la procedura di eutanasia entro un periodo massimo di sei mesi. La legge sarà poi sottoposta all’approvazione dell’Assemblea nazionale, che dovrà elaborarla entro un anno. Ha inoltre chiesto al Ministero della Sanità di redigere i rispettivi regolamenti. Il comunicato del Ministero afferma che sarà contemplata “l’eutanasia attiva volontaria e non volontaria”. La sentenza è stata approvata con sette voti a favore e due contrari.

Durante l’ultima Assemblea plenaria di novembre, la Conferenza episcopale ecuadoriana aveva chiesto allo Stato di “riconoscere, difendere e garantire la vita per tutte le persone dal concepimento alla morte naturale”. 

Fonte: AgenSIR

redazione

Recent Posts

Antonio da Padova, il santo di tutti

Parlare di Antonio di Padova, uno dei santi più venerati della Chiesa, significa ricordare la…

13 Giugno 2024

Sant’Eliseo: ecco cosa significa il suo nome

Sant'Eliseo, profeta dell'Antico Testamento, S. ELISEO Profeta dell'Antico Testamento Palestina, ?- Samaria (Palestina), 790 a.C.…

13 Giugno 2024

Ue-Africa: le politiche migratorie dopo il voto europeo

Un ponte tra Ue e Africa dopo le elezioni europee. Oltre alla guerra scatenata dalla…

13 Giugno 2024

Iraq, la diaspora dei cristiani

In Iraq più del 90 per cento dei cristiani fuggiti da Mosul non pensa di…

13 Giugno 2024

La grande sfida del G7: usare l’intelligenza (umana)

La questione del finanziamento della resistenza ucraina all’invasione russa con i beni del Cremlino all’estero…

13 Giugno 2024

Siccità in Italia: è già emergenza

"Al momento abbiamo una severità idrica alta per quanto riguarda la Sicilia, che è la regione del…

13 Giugno 2024