Chiesa Cattolica

Camerun: allarme dell’episcopato per l’emergenza rapimenti

Sos dell’episcopato del Camerun per i rapimenti. A rilanciare il grido d’allarme della Chiesa africana è l’agenzia missionaria vaticana Fides. Agricoltori, allevatori, commercianti e operatori umanitari. Sono queste le vittime preferite dei rapimenti nel nord del Camerun. Dove si è venuta a creare una vera economia dei sequestri di persona. Le vittime sono scelte per la loro capacità percepita di rispondere alle richieste di riscatto. Grazie alla loro apparente ricchezza, in relazione al resto della popolazione in una zona economicamente depressa. La maggior parte dei sequestri sono commessi da pastori Fulani, Mbororo e Arab Choa. Arabi che vivono per lo più nella regione ciadiana del Bornou e nel nord del Camerun. E che parlano Fulfulde o arabo. I loro accenti variavano e includono quelli di Camerun, Ciad, Niger, Sudan e Africa centrale. Ma tra i rapitori figurano pure gruppi armati camerunensi, ex ribelli, mercenari centrafricani e ciadiani. Nonché elementi infedeli e criminali delle forze di difesa e sicurezza del Camerun. L’area interessata comprende non solo il Nord del Camerum Na anche aree limitrofe di Ciad, Nigeria e Repubblica Centrafricana.

Sos Camerun

Il modus operandi dei rapitori comprende tre fasi. In primo luogo, raccolgono informazioni dai loro complici all’interno delle comunità. Seguono poi intimidazioni e ricatti, inviando messaggi alle potenziali vittime. E chiedendo che una somma di denaro venga consegnata in un luogo da loro indicato. In caso contrario, minacciano il rapimento. Infine, rintracciano le vittime che vengono rapite in un agguato o tramite un’incursione nelle loro abitazioni. Le persone rapite sono trasferite in montagne di difficile accesso, per poi attraversare i confini: gli ostaggi provenienti dal Ciad o dalla Repubblica Centrafricana finiscono in Camerun e viceversa. Le trattative per il riscatto avvengono telefonicamente. I rapitori vietano ai parenti delle vittime di allertare le forze di polizia, minacciando ritorsioni sui sequestrati. Potendo contare su una rete di informatori nelle comunità che forniscono informazioni continue sui movimenti e sulle transazioni delle vittime.

Emergenza

Secondo la polizia di Garoua in soli tre anni (2015-2018), i rapitori nel Nord Camerun hanno raccolto riscatti per una somma totale di circa 3 milioni di euro (2 miliardi di CFAF). Per combattere questa piaga criminale occorre un approccio transfrontaliero coordinato tra Camerun, Ciad, Nigeria e Repubblica Centrafricana. La Multinational Joint Task Force, riferisce Fides, è impegnata nella lotta contro Boko Haram. E potrebbe estendere le sue azioni per contribuire ad affrontare il problema, dato che tutti questi Paesi sono Stati membri della Commissione per il bacino del Lago Ciad. Anche le compagnie telefoniche dovrebbero essere sollecitate per fornire i dati di geolocalizzazione dei rapitori durante i loro colloqui per negoziare il riscatto per liberare gli ostaggi.

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Israele punta a Rafah: “Pronti a entrare”

Israele è pronto a entrare a Rafah via terra. L'annuncio è arrivato da fonti vicine…

24 Aprile 2024

Medicina, stop (parziale) al numero chiuso: scatta la protesta

Un semestre di iscrizioni libere alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria,…

24 Aprile 2024

Ponte del 25 Aprile: traffico da bollino rosso

In vista del ponte del 25 Aprile, la circolazione sulle strade italiane, si prospetta da…

24 Aprile 2024

Smolensk: attaccati due depositi petroliferi russi

A Smolensk, i servizi speciali ucraini, hanno colpito due depositi petroliferi dove erano stoccati 26…

24 Aprile 2024

Card. Pizzaballa: “Ineluttabile la soluzione dei Due Stati”

Il patriarca latino di Gerusalemme, card. Pierbattista Pizzaballa, ha descritto la situazione in Terra Santa…

24 Aprile 2024

In aumento gli attacchi di hacker filorussi all’Italia

  Italia sotto attacco degli hacker filorussi e, in un caso, filopalestinesi. Lo si evince…

24 Aprile 2024