Chiesa Cattolica

L’appello del vescovo di Sulmona: “Chiese ancora da ricostruire”

Il vescovo di Sulmona-Valva, mons. Michele Fusco, ha espresso l’appello per la ricostruzione delle chiese colpite dai terremoti del 2009 e del 2016, evidenziando il ritardo delle istituzioni nel processo di restauro. Circa un centinaio di chiese sono in attesa di restauro, ma i progetti sono bloccati e le strutture si deteriorano. Fusco ha sottolineato l’irritazione crescente nella comunità e ha esortato le istituzioni ad agire per risolvere la situazione.

Sisma Abruzzo: vescovo Sulmona, chiese ancora da ricostruire

“Sono trascorsi 15 anni dal terremoto del 2009 e otto anni da quello del 2016. Rivolgo un appello alle istituzioni che oggi non sono presenti. Quanti anni dobbiamo ancora aspettare per ricostruire le nostre chiese?”. Lo ha chiesto il vescovo di Sulmona-Valva, mons. Michele Fusco, al termine della celebrazione della santa messa, nella festa di san Domenico abate a Cocullo, conosciuta come il rito dei serpari che si è ripetuto questa mattina.

“Un centinaio di chiese attendono di essere restaurate. Dopo sollecitazioni e incontri – ha aggiunto il prelato – tutto è rimasto fermo e le strutture nel frattempo si deteriorano. Il popolo di Dio mi chiede quando riapriranno le nostre chiese. Abbiamo edifici senza progetto e altri con fondi e progetti che attendono risposte da più di un anno dalla Soprintendenza. Come chiesa ci chiediamo quanto tempo ancora dobbiamo aspettare”. Il vescovo ha poi sottolineato che “molti sono esasperati da questa situazione di stallo e quando arriva l’esasperazione possono esserci risposte irrazionali. Invito le istituzioni a mettere le mani a questa situazione che si aggrava sempre di più”, ha concluso Fusco nella sua “supplica” che è stata fatta proprio dalla chiesa di Cocullo che presenta ancora i segni del sisma.

Il rito dei serpari

In 12 mila intanto questa mattina si sono riversati a Cocullo per il rito dei serpari, nonostante la minaccia dal maltempo e la pioggia che, a fine festa, ha accorciato la processione. Centocinquanta gli esemplari raccolti dai serpari che hanno adornato la statua del santo, uscita dalla chiesa a mezzogiorno in punto. Un’annata migliore per via del caldo primaverile che ha permesso agli animali in quota di uscire prima rispetto agli altri anni. “Un evento importante che ci aiuta, tra le altre cose, a combattere anche la piaga dello spopolamento”, ha affermato il sindaco di Cocullo Sandro Chiocchio.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Mosca blocca l’accesso in Russia a 81 media Ue

La guerra corre sul web. In risposta alla chiusura da parte della UE dell'accesso dall'Europa…

25 Giugno 2024

Sace: “L’export di beni italiani è in aumento”

Il report di Sace ha evidenziato che, l’export di beni italiani, subirà un incremento del…

25 Giugno 2024

Cina: proteste contro le sanzioni dell’Ue

La Cina ha protestato contro l’Unione Europea per la decisione di imporre sanzioni nei confronti…

25 Giugno 2024

Toninelli (Ispi): “Le conseguenze di un conflitto tra Libano e Israele”

Le tensioni sempre più forti tra l’esercito israeliano e Hezbollah preoccupano il mondo. Secondo l’Alto…

25 Giugno 2024

Valditara: “La scuola deve rimettere al centro la persona”

Il Ministro dell'Istruzione, Giuseppe Valditara, è intervenuto alla conferenza stampa sulla Relazione annuale al Parlamento…

25 Giugno 2024

Mantovano: “Scarsa consapevolezza di quanto fa male qualsiasi tipo di droga”

A Palazzo Chigi si è svolta la conferenza stampa sulla Relazione annule al Parlamento sul…

25 Giugno 2024